Home \ Torino: storia di una città \ Città Contemporanea \ Torino che lavora e che pensa

I Temi e gli Eventi

Torino che lavora e che pensa

Le nuove tradizioni popolari nella città industriale

La trasformazione di Torino in città industriale comportò anche un sostanziale cambiamento nella vita quotidiana e nelle tradizioni dei ceti popolari.

L'Università e le scienze

Nonostante parecchie difficoltà, nel XIX secolo l'Università e il sistema culturale torinese diedero impulso e potenziarono gli studi scientifici, supportando così la trasformazione della città in polo industriale-produttivo.

Rete di canalizzazione fognaria

Forse la più “nascosta” delle reti di servizi cittadini. La costruzione della fognatura costituì una tappa importante dello sviluppo demografico, sociale e urbanistico della città.

Un nuovo gruppo sociale: gli operai

Contemporaneamente all'affermazione di Torino come capitale nazionale dell’industria crebbe l'importanza degli operai, un gruppo con una propria coscienza di classe, modelli e valori, disposto alla lotta per difendere salari e diritti.

L'impegno sociale della cultura

Nella seconda metà dell’Ottocento i letterati torinese vissero un periodo di forte impegno sociale, anche se non mancarono gli esponenti di una letteratura di stampo più prettamente romantico.

zoom image

La diffusione dello sport nella Torino ottocentesca

Nel corso dell'Ottocento Torino ebbe un ruolo di primissimo piano per quanto riguarda la nascita e la diffusione in Italia di numerosi sport.

zoom image

Borgata Campidoglio

Alla fine dell’Ottocento costituiva uno dei maggiori agglomerati suburbani, caratterizzato da un denso insediamento a vocazione prevalentemente residenziale, di cui restano significative testimonianze architettoniche che conferiscono al borgo l’aspetto di un paese all’interno della città.

Torino non più capitale

La fine del rango di capitale comportò per Torino la perdita di impieghi e fonti di ricchezza, obbligandola a ripensare e ridisegnare la propria identità.

La cultura crepuscolare di fine Ottocento

Dopo la stagione dell’impegno sociale, a fine Ottocento i letterati torinese tesero a una chiusura intimistica, domestica e crepuscolare.

zoom image

Borgo San Paolo

Formatosi sul finire dell’Ottocento, il quartiere è stato caratterizzato da una forte vocazione industriale, diventando una delle più note borgate operaie torinesi, oggi in parte riqualificata dagli interventi resi necessari dal processo di dismissione delle fabbriche.

Il Municipio nell'Ottocento

Nella seconda metà dell’800 il Consiglio comunale s’impegnò per trasformare la città in centro industriale. Parecchi furono i mutamenti al suo interno con l’ingresso di nuove forze.

La scuola nell'Ottocento

Nell’800 a Torino la scuola cambiò in modo significativo, nel tentativo di stare al passo con i mutamenti sociali che rendevano necessaria una miglior istruzione tecnica e davano più importanza alla stessa educazione femminile.

  • con il sotegno della
    Compagnia di San Paolo
  • partner
    Iren eni gtt
  • technical partner
    topix
  • social network
    Scopri MuseoTorino su Twitter Scopri MuseoTorino su Facebook
Vai al sito della città di Torino