Scheda: Luogo - Tipo: Isolato

Ex stabilimento Teksid, ex Ferriere Fiat Valdocco

Lo stabilimento Valdocco visto da sud.

Nel 1917, in pieno periodo bellico, la Fiat acquisisce il gruppo delle Ferriere Piemontesi e delle Industrie Metallurgiche, che si trovano nellarea tra il fiume Dora e corso Rosai.

 


Indirizzo: Lat: 45.09115 Long: 7.67069

Costruzione: 1917

Ampliamento: 1925

Bombardamento: 1942

Abbandono: 1992

Demolizione: 2005

    Tag

  • bombardamenti
  • trasform

    Categorie


  • bombardamento
  • fabbrica

    Indice



La Fiat si aggiudica così un’impresa specializzata non solo nella fusione e nella produzione di acciai, ma anche nella realizzazione di macchine utensili, di parti per auto – ruote e cerchioni – di apparati elettrici e motori e di comparti per carrozzeria.
Nell’ottica di una politica di ingrandimento delle strutture legata all’incremento della produzione si provvede ancora, tra il 1925 e il 1927, a un ulteriore potenziamento degli impianti; in particolare lo stabilimento di Valdocco ospita l’Acciaieria 1, i laminatoi e il reparto finimenti.
Le tipologie di edificio ricorrenti in queste aree consistono in edifici in muratura e capannoni in carpenteria metallica, di cui rimane testimonianza nell'esoscheletro in ferro che ospita il centro servizi dell'Environment Park. Un altro segno della presenza delle Ferriere è la tombatura della Dora, che metteva in comunicazione i vari stabilimenti.
Dall’inverno del 1942 fino al 1944 si abbattono sugli impianti delle Ferriere i bombardamenti dell'aviazione alleata che però provocano, nel complesso, danni relativamente modesti. Nello stesso periodo l’attività di opposizione al regime trova nella fabbrica uno dei principali centri.
Malgrado i danni arrecati alle Ferriere dagli eventi bellici ed insurrezionali, la produzione riprende a partire dal 1946.
Le Ferriere Fiat continuano a lavorare con questa denominazione fino al 1978, anno in cui è costituita la Teksid, azienda che raggruppa tutte le attività metallurgiche e siderurgiche della Fiat e che, nel 1982, cede i propri stabilimenti torinesi all’IRI. L’IRI ridistribuisce le attività assegnando alla IAS – Industria Acciai Speciali – lo stabilimento di Valdocco. La cessazione della produzione risale al 1989, mentre la chiusura degli stabilimenti avviene nel 1992 e la loro demolizione nel 2005. Le Ferriere Fiat arrivano ad occupare l’intero territorio compreso tra il fiume Dora, corso Principe Oddone, via Ceva e via Livorno; assorbendo nel tempo le industrie preesistenti. Dell'antica area industriale oggi restano soltanto alcune strutture del vecchio stabilimento, restaurate e testimonianze di archeologia industriale.

 

    Bibliografia


  • Fiat (a cura di), Società Anonima Fiat Sezione Ferriere, Torino 1934
  • Fiat (a cura di), Cenni storici. Stabilimenti impianti produzioni, Fiat, Torino 1966
  • Fiat (a cura di), Direzione del personale. Cenni storici sulle Ferriere di Avigliana e Torino, Torino 1967
  • Dario Velo, La strategia Fiat nel settore siderurgico 1917-1982, Eco, Torino 1985
  • Bruno Bottiglieri, Strategie di sviluppo, assetti organizzativi e scelte finanziarie nel primo trentennio di vita della FIAT, in Archivio Storico Fiat (a cura di), Fiat 1899-1930. Storia e documenti, Fabbri Editore, Milano 1991, pp. 13-76

    Sitografia


  • http://www.istoreto.it/to38-45_industria/schede/fiat_ferriere.htm
  • http://www.comune.torino.it/circ4/eut/luoghi4ferriere.html
  • www.immaginidelcambiamento.it

    Fonti Archivistiche


  • Laboratorio di Analisi e Modelli Energetici (Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino) per la Città di Torino, Analisi storica sulle attività produttive presenti in Spina 3, maggio 1998.

    Ente Responsabile


  • Comitato Parco Dora
  • ISMEL

Fototeca