Home \ Bastione di piazza san Carlo
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Bastione di piazza san Carlo

In più occasioni sono venute alla luce parti delle strutture che costituivano il bastione angolare costruito dai Francesi per rinforzare la cinta muraria di età romana.


Lat: 45.067898 Long: 7.683991

Demolizione: XVII Sec.a.C. (1699-1600a.C.)
inizio

Costruzione: 1536 - 1543
circa

Ritrovamento: 2004 - 2005

Ritrovamento: 2009 - 2010

  • Indice
  • Tag
  • carta archeologica
  • Il bastione francese

    All’inizio del Cinquecento le fortificazioni di Torino coincidevano ancora con la cinta muraria di età romana. Ma il radicale rinnovamento delle tecnologie belliche rese necessari ben presto una ristrutturazione e un deciso rinforzo degli apparati di difesa. Dopo la conquista del 1536, quindi, i Francesi realizzarono quattro bastioni angolari di rinforzo ai vertici della vecchia cerchia delle mura. L’aspetto delle nuove strutture era quello di “orecchioni” cuoriformi costruiti con una cortina esterna e dei setti radiali che strutturavano e irrobustivano il ricarico del terrapieno all’interno del bastione. Sempre sotto la dominazione francese le opere di difesa vennero completate con lo scavo di un largo e profondo fossato con spalti di terra.

    Demolizione e scoperta

    All'inizio del XVII secolo il bastione venne demolito per far posto all'ampliamento della Città Nuova edificata per volere di Carlo Emanuele I e completato dal suo successore, Vittorio Amedeo I.

    Le strutture del bastione sono emerse sia nello scavo realizzato per la riqualificazione di piazza San Carlo che in un’indagine condotta nelle cantine del Palazzo dell’Accademia delle Scienze.

     

    • Bibliografia

    Luoghi correlati

    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino
    • Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie