Home \ L'immigrazione dal Meridione
Scheda: Tema - Tipo: Società e costume

L'immigrazione dal Meridione

Nessuna Immagine

In poco più di vent’anni a Torino giunsero centinaia di migliaia di immigrati, un fenomeno epocale che creò problemi e contrasti, nonostante l'impellente necessità di manodopera della grande industria.


Periodo di riferimento: 1950 - 1970

  • Indice
  • Tag
  • sala 1961
  • L’immigrazione degli anni ’50-’70 non fu solo un fenomeno numerico (pur di dimensioni enormi, dato che la città crebbe di oltre il 50%), ma anche e soprattutto sociale. Più della metà degli immigrati proveniva infatti dal Sud e dalle isole, circa il 60% non aveva neppure la licenza media e quasi tutti finirono a lavorare nella grande industria (ovvero soprattutto alla Fiat), che fu la ragione principale di questo spostamento di massa; il bisogno di nuovi lavoratori era tale che gli industriali presero a reclutare la manodopera direttamente nelle regioni d’origine.
    Furono decenni di condizioni abitative precarie e di difficile integrazione. I nuovi arrivati andavano spesso a vivere in pensioni in cui si dormiva a turno nello stesso letto, in baracche, in ricoveri (come quello ECA di via Moncrivello) o in fatiscenti case di ringhiera, anche perché non mancavano i «Non si affitta ai Meridionali». Il principale quotidiano cittadino tendeva a dare un’immagine edulcorata della situazione, volta al futuro superamento dei contrasti, più che a riportarne l’esistenza, ma era pure l’epoca di titoli quali «Ladro meridionale deruba…», che di sicuro non contribuivano a sconfiggere diffidenze e pregiudizi.
    L’integrazione vera e propria sarebbe venuta solo in un secondo tempo, dopo almeno una generazione, grazie alla scuola, ai processi di mobilità sociale e più semplicemente all’abitudine a stare insieme.

    • Bibliografia