Home \ La Fiat e la Guerra d’Etiopia (1935-1936)
Scheda: Tema - Tipo: Economia e industria

La Fiat e la Guerra d’Etiopia (1935-1936)

Nessuna Immagine

Nel periodo 1935-1936 la Fiat beneficiò in maniera consistente della Guerra d’Etiopia, aumentando la propria produzione di mezzi militari e aerei.

 


Periodo di riferimento: 1935 - 1936

  • Indice
  • Categorie
  • industria
  • guerra
  • La Fiat inizia a manifestare interesse per la produzione di mezzi e aeroplani militari a partire dagli anni Venti e riusce a stabilire una collaborazione con il governo italiano per la sperimentazione di nuovi tipi di veicoli. Tuttavia, è solo a partire dalla Guerra d’Etiopia (1935-1936) che la produzione diventa consistente. Nel giugno del 1935 la Fiat riceve una commessa di oltre 5.000 mitragliatrici. Quando la guerra scoppia nel mese di ottobre, la Fiat non è pronta a produrre mezzi militari in grande quantità e il governo si rivolge inizialmente alla Ford. Il terreno è comunque recuperato ben presto, e a partire dal mese di dicembre del 1935 la Fiat inizia la produzione di oltre 6.000 autoveicoli militari, di nuovi camion e di trattori cingolati. Le commesse governative garantiscono larghi margini di profitto e il fatturato dell’azienda passa dai 750 milioni di lire del 1935 a 1,4 miliardi nel 1936, per culminare con 2 miliardi di lire nel 1937. La produzione diminuisce con la fine della guerra, ma riprende con l’inizio della Guerra civile spagnola.

     

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • ISMEL