Home \ Caserma dei Carabinieri Benito Atzei
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Caserma dei Carabinieri Benito Atzei

La caserma ha sede all’interno del complesso delle Casermette S. Paolo, costruite nel borgo omonimo fra il 1945 e il 1946.

 


VIA GUIDO RENI 64

Costruzione: XX Sec. (1900-1999)

Bombardamento: Agosto 1943

  • Indice
  • Categorie
  • edificio militare
  • bombardamento
  • caserma
    • Tag
  • bombardamenti
  • Le Casermette funzionali di borgo San Paolo sud e nord sono costruite nel 1945-1946 a cura del Ministero degli Interni in via Guido Reni, dove il Comune di Torino proponeva di traslocare la piazza d’armi, oggi parco Cavalieri di Vittorio Veneto. Il complesso militare, che occupava precedentemente l'area, fu interessato dai bombardamenti, presumibilmente dell'estate 1943, che causarono lievi danni. Nel 1947 esse divengono rifugio per i profughi giuliano-dalmati e circa vent’anni dopo sono restituite all’esercito.
    I fabbricati, distribuiti all’interno dell’isolato fra via Pininfarina, via Tirreno, via Reni e corso Allamano, sono suddivisi fra la caserma Atzei e quella Pugnani, nel campo Sud, e la caserma Cesale, a Nord. La caserma MAVMVB (Medaglia Argento Valor Militare Vice Brigadiere) Benito Atzei, ucciso dalle Brigate Rosse 1954-1982, accoglie il Comando Regione Carabinieri Piemonte e Valle d’Aosta – ufficio logistico, il Comando Provinciale Carabinieri di Torino – nucleo radiomobile e la Stazione Pozzo Strada.

     

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Archivio Storico della Città di Torino (ASCT), Piani regolatori, TD.64.7.10_7 (1972).
    • Archivio Storico della Città di Torino (ASCT), Piani regolatori, TD.64.7.9_7 (1959).
    • Archivio di Stato di Torino (ASTo), Corte, Genio Civile, Sezione I, mazzo 4556 (1954).
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 2377, cart. 47, fasc. 2, n. ord. 2
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • CeSRAMP - Centro Studi e Ricerche storiche sull’Architettura Militare in Piemonte
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà