Home \ Agilulfo (? - 615/616)
Scheda: Soggetto - Tipo: Persona

Agilulfo (? - 615/616)

Nessuna Immagine

Agilulfo era duca di Torino e venne eletto re dei Longobardi nel 591. Sposò la regina Teodolinda e probabilmente si convertì dall’arianesimo al cattolicesimo dopo il matrimonio.


  • Indice
  • Categorie
  • nobile
    • Tag
  • mostra medievale
  • Agilulfo fu una figura di primo piano nella storia dell’Italia longobarda. Dopo aver passato l’arco alpino, i Longobardi organizzarono il regno in ducati: uno di questi aveva come centro Torino. La circoscrizione torinese si trovava in una posizione di particolare importanza: vicinissima al confine con i Franchi e piuttosto prossima a Pavia, capitale del Regnum Langobardorum. Per questo motivo i duchi di Torino potevano disporre di una particolare concentrazione di forze militari sul loro territorio e potevano porsi in diretta concorrenza con i re residenti a Pavia. Infatti, ben tre dei quattro duchi longobardi documentati per il ducato torinese divennero re.

    Agilulfo, in particolare, divenne re nel 591. Ariano, probabilmente si convertì al cattolicesimo dopo aver sposato la cattolica Teodolinda, vedova del re Autari. Fu Agilulfo a proteggere il monaco irlandese Colombano, fondatore dell’abbazia di Bobbio. Morì nel 615 o 616, lasciando tre figli, Adaloaldo – che aveva fatto associare al trono nel 604 – e Gundeperga, avuti con Teodolinda, e un’altra figlia avuta da un precedente matrimonio.

    • Bibliografia
    • Sitografia

    Temi correlati

    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città