Home \ Villa D'Ormea, già Vigna Berardt
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa D'Ormea, già Vigna Berardt

Lat: 45.038058270164456 Long: 7.684485912322998
  • Categorie
  • giardino
  • villa
    • Tag
  • giardini
  • Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    VILLA D'ORMEA, GIÀ VIGNA BERARDT
    Strada alla Villa d'Ormea

    Vigna.
    L'edificio di valore storico-artistico e ambientale costituisce elemento fondamentale nella sequenza delle ville e vigne collocate sui poggi dominanti il Po e corso Moncalieri.
    Nel 1706 la vigna era di proprietà dei conti Torazza. Nel 1769 il conte Girolamo Casimiro Avogadro di Quinto acquisisce la vigna per matrimonio. Il Grossi la cita come «Quint vigna con casino assai bello». Nel primo Ottocento la vigna passa a Teresa Ponte di Scarnafigi, e alla metà, ai Ferrero d'Ormea. La Carta topografica della Caccia segnala un edificio a blocco situato al centro e assiato su un «artefatto piano» ad emiciclo. Sul lato a monte in corrispondenza all'antico percorso, che collegava alla Strada della Viassa, era sita la cappella. Tale impianto si mantiene nella mappa napoleonica, ma si presenta oggi come una villa ottocentesca.

    Carta topografica della Caccia [1762]; A. GROSSI, 1791, p. 139; PLAN GEOMÉTRIQUE […], 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XXXII; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975, pp. 563-564.
    Tavola: 66

    • Bibliografia