Home \ Edifici di civile abitazione già fabbrica Victoria Arduino
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Edifici di civile abitazione già fabbrica Victoria Arduino

La fabbrica Victoria Arduino macchine da caffè, fondata nel 1905 aveva sede in via Bardonecchia 81. Fu interessato da bombardamenti nel 1942. Gli edifici di civile abitazione attualmente sull'area dove già era la fabbrica sono di recente costruzione.


VIA BARDONECCHIA 81

Notizie dal: 1905
Fondazione della Victoria Arduino

Costruzione: 1921

Bombardamento: 28 Novembre 1942

  • Indice
  • Categorie
  • fabbrica
  • bombardamento
    • Tag
  • bombardamenti
  • Nel 1905 nacque, per volere di Pier Teresio Arduino, la fabbrica Victoria Arduino (che trae il nome dalla moglie del proprietario) di macchine per caffè espresso.

    Le macchine da caffè prodotte da questa azienda furono fra i primissimo modelli con funzionamento a vapore. Il simbolo di queste macchine è l’aquila reale. Il primo modello, molto diffuso nei locali pubblici, fu realizzato in rame e in ottone con l’inconfondibile forma cilindrica.

    Il laboratorio aveva sede a Torino. Solo negli anni 2000 la fabbrica, dopo aver aperto filiali in tutta Italia, si trasferì nelle Marche.

    L'edificio di via Bardonecchia 81, all'angolo con via Beaulard, costruito nel 1921, parte in cemento armato e parte in muratura, fu sede della fabbrica. Venne bombardato il 28 novembre del 1942 e subì gravi danni: i bassi fabbricati sul lato di via Bardonecchia risultano distrutti, i fabbricati su via Beaulard risultano sinistrati mentre la tettoia nell'interno del terzo cortile risulta distrutta. Al 1945 il tetto del fabbricato verso via Bardonecchia viene riparato in via provvisoria con lamiere in ferro.

    Gli edifici di civile abitazione attualmente sull'area dove già era la fabbrica sono di recente costruzione.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 1394, cart. 28, fasc. 22, n. ord. 3
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà