Home \ Lapide dedicata ai Fiorentini caduti nella Prima guerra d’indipendenza
Scheda: Luogo - Tipo: Monumenti, lapidi e fontane

Lapide dedicata ai Fiorentini caduti nella Prima guerra d’indipendenza

Una lapide commemorativa dedicata ai cittadini di Firenze morti nella prima guerra d’Indipendenza italiana su richiesta del Comune toscano e approvazione dalla Municipalità fu posta, nel 1855, sul fronte dei portici del Palazzo Civico di Torino


PIAZZA PALAZZO DI CITTA' 1

Realizzazione: 1855

  • Indice
  • Categorie
  • risorgimento
  • lapide
  • Iscrizione

    Iscrizione

    I NOMI DI QUESTI PRODI/

    CHE LA CARITÀ DEL NATIO LUOGO AVEVA COLLOCATI AD ONORE/

    IN S. CROCE DI FIRENZE/

    E NON POTERON DURARVI PER TRISTEZZA DI TEMPI/

    IL MUNICIPIO TORINESE/

    IN QUESTE TAVOLE CONFORMI PIENAMENTE ACCOGLIEVA/

    ADDÌ IX GIUGNO MDCCCLV

    AD ETERNA RICORDANZA/

    DEI FIORENTINI MORTI/

    COMBATTENDO PER L’INDIPENDENZA/

    NELLA CAMPAGNA DEL 1848/

    IL MUNICIPIO DI FIRENZE/

    DECRETAVA/

    IL DI 7 DICEMBRE 1848/

    AGISTINI GIOVANNI/

    BIANCHINI ROMALDO/

    BIAGIOTTI GIOVACCHINO

    BENINI ZENONE/

    CALOSI LOPOLDO/

    CASELLI PAOLO/

    GIARPALLINI MAG.E BELLERO/

    DIODI TITO/

    FRECCIA CLEARCO/

    FONDI FERDINANDO/

    FRANCI GIOVACCHINO/

    GROSSI ANGIOLO/

    LUPICHINI.

     

    AD ETERNA RICORDANZA/

    DEI FIORENTINI MORTI/

    COMBATTENDO PER L’INDIPENDENZA/

    NELLA CAMPAGNA DEL 1848/

    IL MUNICIPIO DI FIRENZE/

    DECRETAVA/

    IL DI 7 DICEMBRE 1848/

    MOLLI LIBERATO/

    MONALDI MILZIADE/

    MAFFEI ANTONIO/

    MASINI LUIGI/

    MOLINELLI LUIGI/

    PIFFERI PIETRO/

    PICCHI TITO/

    RENARD ULISSE/

    SGATARSI LUIGI/

    TASSI COSIMO/

    TARUFFI CESARE/

    TELLINI RAFFAELLO/

    ZEI RAFFAELLO.

    Una rappresentanza della città toscana, nel 1852, domandò il trasferimento delle due lapidi, originariamente poste nella chiesa di Santa Croce a Firenze, per evitare che fossero trafugate in altra sede, come era accaduto per casi simili, privandole così alla pubblica visibilità. Per conservare unitamente la memoria dei prodi militari fiorentini e subalpini, fu proposto di disporle nel Campo Santo della Capitale del Regno Sabaudo: la questione aprì un dibattito nel Consiglio Comunale, nel 1855, per valutare quale fosse la sede più opportuna. Alla fine si scelse di collocare la lapide sull’ingresso porticato di Palazzo di Città; all’inaugurazione, il 9 giugno 1855, presenziarono le autorità delle due città e diverse rappresentanze nazionali. Una lettera di ringraziamento fu sottoscritta da molti cittadini di Firenze e fatta pervenire al Sindaco di Torino. Le due lastre bronzee con l’elenco dei ventisei nomi, disposti in ordine alfabetico, furono poste in una cornice marmorea, decorata sulla sommità dagli stemmi affiancati delle città di Torino e Firenze.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • - Archivio Storico della Città di Torino, Atti Municipali, 1855-56, CD. 457, CC. 186, CC. 213, CD. 458