Home \ Scuola elementare Franco Balbis – Ermelinda Garrone
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Scuola elementare Franco Balbis – Ermelinda Garrone

Nata come piccola scuola rurale, ha sede in un edifico di primo Novecento.

 


VIA NUOVA 2

Costruzione: 1909

Bombardamento: 1942 - 1945

  • Indice
  • Categorie
  • scuola
  • Nelle colline torinesi, in frazione Cavoretto, immersa nel verde e ubicata in un edificio dalla struttura rettangolare risalente al 1909, si trova la sede della Balbis – Garrone. La scuola è intitolata a Ermelinda Garrone, un'insegnante torinese e a uno dei suoi due figli, Franco, partigiano caduto durante la guerra. Ermelinda Garrone donò alla città 8.000 lire al fine di favorire l’istruzione nella città di Torino.

    In data imprecisata la chiesa fu lievemente danneggiata in occasione di un attacco aereo e subito ripristinata.

    Nel 1969 la scuola risulta essere succursale della Rayneri con classi maschili e femminili dalla prima alla quinta per un totale di 174 alunni. Negli anni Settanta passa alle dipendenza dell'elementare Parato e conta circa 190 alunni. Oggi è succursale della Pellico.

     

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    SCUOLA ELEMENTARE BALBIS GARRONE
    Strada Comunale di Cavoretto, Via Nuova

    Edificio, già di Opera Pia, adattato a scuola elementare.
    Edificio scolastico di valore documentario ed ambientale, soprattutto per l'inserimento della testata Est nella piazza del nucleo collinare di Cavoretto.
    Edificio costruito per conto dell'Opera Pia Troglia, affittato per uso della scuola elementare e definitivamente acquistato nel 1909, ampliato nel 1921 con la costruzione di 5 nuove aule ed I palestra ed ancora nel 1929 con la destinazione ad aula della vecchia palestra e la costruzione di una nuova palestra più ampia con copertura a terrazzo. Gli ampliamenti successivi hanno saturato il lotto già piccolo e in pendio, compreso tra le strade Nuova e Vecchia di Cavoretto.

    L. OTTINO, 1951.
    Tavola: 74

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 2617, cart. 56, fasc. 6, n.ord. 3
    • Archivio storico della Città di Torino (a cura di), Miscellanea Istruzione 514. Piano Quinquennale di Edilizia Scolastica Materna e dell’Obbligo, [S.l, s.n.] s.d.
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Fondazione Tancredi di Barolo
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà