Home \ Lapide dedicata agli studenti universitari morti nelle guerre d'indipendenza
Scheda: Luogo - Tipo: Monumenti, lapidi e fontane

Lapide dedicata agli studenti universitari morti nelle guerre d'indipendenza

La lapide dedicata agli studenti universitari morti nelle guerre d’indipendenza italiana fu promossa dagli studenti dell’ateneo e collocata, nel 1904, nella corte interna del Palazzo dell’Università.


VIA PO 17

Realizzazione: 1884

  • Indice
  • Categorie
  • risorgimento
  • lapide
  • Iscrizione

     IL 1821/

    AI POPOLI DATA INAUGURANTE/

    DICE/

    CHE UN LUSTRO BASTÒ/

    A CONSUMARE LA SANTA ALLEANZA/

    A RIALZARE TRA I SUDDITI/

    LA DICHIARAZONE DEI DIRITTI UMANI/

    TRA LE NAZIONI/

    LA CONOSCENZA/

    DI NON BASTARE TRE CORONATI/

    A TRAMARE DESTINI DELLA STORIA/

    I CADUTI DI QUELL’ANNO/

    SI RIZZANO ARMATI/

    TRA GL’INSORTI DEL 1848/

    RIVISSERO A MILANO CINQUE DÍ/

    E RICADUTI/

    DA PALERMO A NOVARA/

    TORNARONO IN MILLE/

    A MARSALA/

    RICERCANDO DA CALATAFIMI A MENTANA/

    ROMA ROMA/

    NON RIPOSANO ANCORA/

    GLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÁ/

    TORINESE ONDE IL MOTO PARTÍ/

    MDCCCLXXXIV/

    GIOVANNI BOVIO DETTO MURAT APRILE 1904

    La lapide dedicata alla memoria degli studenti universitari morti nelle guerre d’indipendenza fu collocata, nel 1904, presso la sede dell’Università di Torino. La proposta di eseguire un monumento funebre in loro memoria fu avanzata dagli studenti già nel 1853. La lapide marmorea fu realizzata con i finanziamenti degli stessi studenti nel 1904, apponendo un’epigrafe in bronzo composta dal poeta, statista e politico Giovanni Bovio (1841-1903) detto Murat. Nell’iscrizione furono ricordati i principali eventi e battaglie del Risorgimento italiano, dalla Prima guerra d’indipendenza all’annessione di Roma. La lapide fu collocata nella corte centrale del palazzo barocco.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • - Archivio Storico dell’Università di Torino, Registri della corrispondenza, VI 10, Lettere ministeriali, 1852-1856, p. 103