Home \ Villa Istituto Sacro Cuore del Carmelo, già Vigna il Galliziano
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Istituto Sacro Cuore del Carmelo, già Vigna il Galliziano

Note

Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
VILLA ISTITUTO SACRO CUORE DEL CARMELO, GIÀ VIGNA IL GALLIZIANO
Strada Comunale Val S. Martino 109

Vigna, ora edificio religioso.
Edificio di valore ambientale elemento fondamentale nella configurazione della bassa valle di S. Martino.
L'edificio, ora sede di un convento di clausura, dal Grossi viene assegnato al sig. Silvestro: « vigna con grossa fabbrica civile e una magnifica Cappella» È ricordata una carta topografica, anteriore al 1778 in cui la vigna è citata come «San Ponzio». In periodo napoleonico passò ai Massimino di Ceva e quindi, dal 1832 al 1854, ai Tempia che lasciarono il Galliziano all'Ospedale di Carità. Nel 1888 fu degli Olliveri e quindi di Luisa Cevasco fondatrice del Carmelo del Sacro Cuore. La mappa napoleonica conferma l'assialità del giardino, parallelo al corpo del fabbricato principale, già presente nella Carta topografica della Caccia. Tale carattere si conserva ancora oggi.

Carta topografica della Caccia [1762]; A. GROSSI, 1791, pp. 85-86; PLAN GEOMÉTRIQUE [...], 1805; [Catasto RABBINI]. 1866. fol. XXIV; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975. pp. 298-299.
Tavola: 51

  • Bibliografia