Home \ Case ex IACP di via Verolengo (2o Quartiere IACP)
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Case ex IACP di via Verolengo (2o Quartiere IACP)

Il “Quartiere due”, ancora riconoscibile per le decorazioni geometriche delle facciate, è il secondo intervento dell’Iacp (ora Atc) in città. Il complesso fu edificato tra il 1908 e il 1910 a ridosso del canale della Ceronda, fra le attuali vie Verolengo, Viterbo e Valdellatorre, occupando un terreno offerto dal gruppo tessile Mazzonis allo scopo di incentivare la costruzione di case intorno agli opifici posseduti nella zona. Il progetto vide la collaborazione anche di nomi illustri del Liberty torinese.


VIA VEROLENGO 109 bis/B

Costruzione: 1908

Trasformazione: 1980 - 1990

  • Indice
  • Categorie
  • abitazione
  • edilizia popolare
  • liberty
  • quartiere
  • Il “Quartiere due” è un complesso residenziale di edilizia popolare composto da due caseggiati situati in via Verolengo. Costruito tra il 1908 e il 1910 su terreni concessi dal cotonificio Mazzonis, è il secondo intervento realizzato in città dall’Istituto Autonomo per le Case Popolari (Iacp, ora Atc). Al progetto collaborano, oltre all’ingegnere Giacomo Fochesato, autore dei disegni presentati per la concessione edilizia, Vincenzo Fontana, Ermanno Genesio Vivarelli e Gottardo Gussoni, protagonisti dell’architettura liberty torinese. Il complesso, seppur destinato ad accogliere un’utenza popolare, si contraddistingue per modelli abitativi innovativi. A differenza delle “case di ringhiera” a ballatoio tipiche dell’epoca, tutti gli alloggi, a cui si accede attraverso i pianerottoli, sono dotati di allacciamento idrico e servizi igienici interni. Le abitazioni sono assegnate a famiglie operaie che devono sopportare i disagi creati dalla localizzazione fuori cinta del complesso. I caseggiati sono eretti, infatti, in un’area periferica non ancora urbanizzata sprovvista di servizi collettivi come i collegamenti tranviari per raggiungere la città. Molte abitazioni rimangono sfitte e, con la prima guerra mondiale, sono impiegate per alloggiare i profughi sfollati dalle zone di guerra. Successivamente giungono nuovi assegnatari mentre dagli anni Ottanta, dopo anni di scarse manutenzioni, il “Quartiere due” è sottoposto a interventi di riqualificazione.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    QUARTIERE 2°
    Via Verolengo 190/115, Via Viterbo

    Quartiere IACP di edilizia popolare.
    Piccolo nucleo di valore ambientale e documentario, tipico esempio di edilizia popolare del primo periodo IACP (1908-1920).
    Su progetto del 1908 edificazione di tre fabbricati di abitazioni popolari per conto dell'IACP.

    ASCT, Progetti Edilizi, f. 329/1908; IACP. 1967; Id.. 1972; E. TAMAGNO, in AA.VV., Patrimonio […], 1980; L. FAVERO, 1979; E. TAMAGNO, 1981.
    Tavola: 25

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Archivio Storico Città di Torino, Progetti edilizi, pratica 1908/329.
    • Archivio Storico Città di Torino, Atti municipali, 10 novembre 1910.
    • Archivio Storico Città di Torino, Atti municipali, 13 settembre 1911.
    • Archivio Storico Città di Torino, Affari Sanità e Igiene, cart. 76, fasc. 2.
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Comitato Parco Dora