Home \ Palazzo Conti Balbo Bertone di Sambuy, già San Martino della Motta
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Palazzo Conti Balbo Bertone di Sambuy, già San Martino della Motta

Il settecentesco palazzo San Martino della Motta, poi Balbo Bertone di Sambuy, si affaccia su via Garibaldi. Presenta una solenne facciata progettata da Francesco Martinez (1718-1777). Una lapide ricorda che vi nacque San Leonardo Murialdo (1828-1900). Il palazzo fu bombardato nel 1942 e 1943.


Lat: 45.073324 Long: 7.678816

Rifacimento: 1750
della facciata

Bombardamento: 20 Novembre 1942

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • palazzo
  • lapide
  • abitazione
    • Tag
  • bombardamenti
  • 1. Storia dell'edificio

    La casa dove San Leonardo Murialdo nasce il 26-10-1828 e nella quale vive fino al 1854 è l’attuale palazzo Balbo Bertone di Sambuy. Il palazzo, già San Martino della Motta, fa parte dell’isola di Sant’Alessio, comprendente l’isolato tra le vie Dora Grossa (oggi via Garibaldi), Stampatori, Barbaroux e San Dalmazzo. In passato l’isolato è appartenuto quasi per intero ai conti Scaglia di Verrua, ma nel corso del tempo i palazzi hanno avuto diversi proprietari, tra cui appunto i San Martino e i Balbo Bertone.

    L’appartamento della famiglia Murialdo, al terzo piano, si affaccia sia su via Garibaldi sia su via Stampatori; è molto grande (dodici ambienti), ma va ricordato che la famiglia Murialdo è numerosa: padre, madre, due figli e sei figlie. Nel 1854 Leonardo e il fratello Ernesto, rimasti soli nella casa dopo la morte della madre e i matrimoni delle sorelle, decidono di lasciare l’abitazione. Una lapide posta sulla facciata del palazzo il 14 ottobre 1970 ricorda che “vi nacque San Leonardo Murialdo, educatore e pioniere dell’azione sociale cristiana”. L’ingresso su via Stampatori è attualmente chiuso e occupato da un negozio.

    2. Bombardamenti

    Il palazzo fu bombardato il 20 novembre 1942 e il 13 luglio 1943, da aerei della RAF con bombe di grosso e grossissimo calibro. Il bombardamento causò la distruzione totale del tetto con crollo dei soffitti e di alcuni muri interni e lo schiantamento totale degli infissi.

    Cronologia

    1585 i palazzi che compongono l’intera isola di Sant'Alessio vengono ceduti ai conti Solaro e passano poi ai San Martino della Motta;

    1772-1774 i palazzi vengono in parte dati in affitto e passano ai Balbo Bertone di Sambuy;

    1736-1775 ampliamento e allineamento degli edifici di via Dora Grossa;

    1750 circa rifacimento della facciata del palazzo Balbo Bertone di Sambuy;

    14-12-1970 posa della lapide che ricorda la nascita di San Leonardo Murialdo nel palazzo.

     

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra inv. 39, cart. 1, fasc. 39, n.ord. 3
    • Ente Responsabile
    • Associazione Volarte
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà.