Home \ La Cresta Grande di Rivoli
Scheda: Luogo - Tipo: Geosito

La Cresta Grande di Rivoli

La Cresta Grande è la più elevata cerchia morenica del settore laterale destro dell’Anfiteatro di Rivoli Avigliana, affacciata sulla piana fluvioglaciale.


Lat: 45.0618 Long: 7.4772

Notizie dal: 1999a.C.
TAPPA III – da 700 MILA a 10 MILA ANNI

  • Indice
  • Tag
  • mostra prima della città
  • L’Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana rappresenta una delle più significative tracce del glacialismo alpino italiano. Si trova allo sbocco in pianura della Valle di Susa, dove si è sviluppato nel corso delle glaciazioni pleistoceniche, a partire da circa 750 mila anni fa. Esso testimonia la grandiosità del fenomeno glaciale nelle Alpi, in grado di coprire buona parte della catena montuosa, modellando in profondità le maggiori valli e trasportando ingenti quantità di sedimenti fino in pianura. Dal punto di vista geomorfologico, l’Anfiteatro Morenico è costituito da un insieme di dolci e modesti rilievi collinari per lo più con forma rettilinea (dorsali) o debolmente arcuata (cerchie), tra loro paralleli e disposti a formare, appunto, una sorta di anfiteatro. Tra le cerchie principali spicca per lunghezza e altezza la Cresta Grande, su cui sorge il Castello di Rivoli, e che si eleva di circa 200 m sulla pianura circostante, nella quale scorre la Dora Riparia. Dal punto di vista geologico, l’Anfiteatro é formato da un complesso affiorante di depositi glaciali e fluvio-glaciali con estensione in pianta di circa 52 kmq. La formazione di così maestosi accumuli agli sbocchi delle maggiori valli alpine e la natura dei sedimenti che li costituiscono, così contrastante con quelli delle aree circostanti, furono argomento di un acceso dibattito scientifico fra i naturalisti della metà dell’Ottocento. Allora, la teoria del glacialismo prevalse anche in virtù degli studi di Martins e Gastaldi sull’Anfiteatro Morenico di Rivoli-Avigliana.



    • Bibliografia
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città
    • Dipartimento di Scienze della Terra, Università degli studi di Torino