Home \ Piazza XVIII dicembre
Scheda: Luogo - Tipo: Vie e Piazze

Piazza XVIII dicembre

Sulla piazza, già intitolata piazza San Martino, si affacciano l'edificio della ex stazione di Porta Susa e il grattacielo RAI. All'angolo con via Cernaia una lapide ricorda le vittime dell'eccidio del 18-19-20 dicembre 1922.


Lat: 45.07391136065426 Long: 7.668486589813256

Variazione: 1946
Cambiamento intitolazione

  • Indice
  • Categorie
  • strage
  • bombardamento
  • stazione
  • piazza
  • lapide
    • Tag
  • bombardamenti
  • 1. La piazza

    In piazza XVIII dicembre confluiscono via Cernaia, corso Bolzano e corso San Martino. La piazza venne aperta nel 1850 e, nel 1864, al termine dei lavori per la costruzione della nuova stazione ferroviaria di Porta Susa; fu denominata piazza San Martino, in continuità con l'omonimo corso, in ricordo della Battaglia di San Martino e Solferino, svoltasi nel 1859.

    Nel 1946 fu rinominata piazza XVIII dicembre (Martiri della Camera del Lavoro 1922), in memoria delle vittime della strage del XVIII dicembre.

    2. La strage

    L’eccidio, ricordato come la Strage di Torino, avvenne tra il 18 e il 20 dicembre 1922: le squadre fasciste misero in atto una rappresaglia nei confronti degli oppositori del regime, agendo, in particolare, nei quartieri operai, dove si concentravano i circoli socialisti, i sindacati. Furono uccise undici persone, tra cui il consigliere comunale comunista Carlo Berruti, e una trentina di altre rimasero ferite.

    Sul cantone dell’edificio all’angolo con via Cernaia, fu apposta una lapide commemorativa, di fronte alla quale, ogni anno, il 18 dicembre, si svolge una commemorazione ufficiale da parte del Comune, dei Sindacati e delle Associazioni della Resistenza. Una seconda lapide è stata fissata, nel 2006, al piano interrato dell’ingresso nord alla stazione della metropolitana “XVIII dicembre”.

    3. La lapide

    “Ai martiri dell’eterna libertà. Strage di Torino 18 dicembre 1922
    Andreone Erminio – operaio
    Becchio Evasio – operaio
    Berruti Carlo – impiegato FF.SS.
    Chiolero Matteo – tramviere
    Ferrero Pietro – operaio
    Ghiomo Andrea – manovale
    Massaro Giovanni – manovale
    Mazzola Leone – esercente
    Pochettino Cesare – esercente
    Quintagliè Angelo – usciere FF.SS.
    Tarizzo Matteo – meccanico”

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Asct, Urbanistica e Statistica, deliberazioni della Giunta popolare, 10 novembre 1945, verbale 37
    • Fototeca