Home \ Edificio residenziale già Museo Civico di Numismatica, Etnografia e Arti Orientali
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Edificio residenziale già Museo Civico di Numismatica, Etnografia e Arti Orientali

L'edificio ottocentesco di via Bricherasio 8 ha ospitato, per alcuni anni, la Sezione d'Arte Orientale del Museo Civico, fino al 2001, quando la sede è stata chiusa, i materiali trasferiti e il palazzo, di proprietà comunale, venduto.


VIA GIOV. BATTISTA BRICHERASIO 8

Costruzione: XIX Sec. (1800-1899)

Inaugurazione: 1989
Inaugurazione della Sezione d'Arte Orientale

Variazione: 2001
Chiusura della Sezione d'Arte Orientale del Museo Civico

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • biblioteca
  • museo
  • giardino
  • abitazione
    • Tag
  • bombardamenti
  • L'isolato compreso fra le vie Bricherasio, Magenta, corso duca degli Abruzzi e corso Stati Uniti (tagliato da via Vela), fu interessato dai bombardamenti del novembre 1942 e luglio 1943. In data imprecisata, l'edificio di via Bricherasio 8, di 3, 2, 1 piani fuori terra con giardino, costruito nel 1922, fu lievemente danneggiato da soffio di bomba dirompente, probabilmente caduta nelle vicinanze.

    Nel 1989 viene istituito il Museo Civico di Numismatica, Etnografia e Arti Orientali in via Bricherasio a Torino. Il materiale esposto, di proprietà statale e civica (il nucleo di Numismatica) e civica (le collezioni di Etnografia e Arti orientali) è stato raccolto in un secolo di acquisizioni da privati collezionisti. La disposizione delle sezioni segue i piani del palazzo: le collezioni di numismatica (al piano terreno), di etnografia (al secondo piano) e Arti orientali (al secondo piano) occupavano un piano ciascuna, mentre nell'interrato erano i depositi.

    Nel 1996 non viene rinnovata la Convenzione e le collezioni numismatiche di proprietà statale vengono riconsegnate ai musei di origine. Inizia così una fase critica per il museo di Numismatica, che, nel 2001 viene chiuso al pubblico; ha così avvio l'inventariazione su base informatizzata delle collezioni, le quali, nel 2002, sono trasferite in parte a Palazzo Madama, in parte in un deposito esterno.

    Nel 2008 le opere appartenute alla Sezione d'Arte orientale, tranne poche ceramiche, che restano esposte al secondo piano del Museo Civico d'Arte Antica - Palazzo Madama, vengono portate a Palazzo Mazzonis, nel nuovo MAO, Museo d'Arte Orientale. Altre opere, in quell'anno e negli anni successivi, vengono acquistate per il museo dalla Compagnia di San Paolo e dalla Città di Torino.

    Le collezioni etnografiche, inerenti l'Africa, l'America precolombiana e l'Oceania restano invece in un deposito esterno, tranne gli oggetti di maggior pregio, in metalli preziosi e pietre dure, che sono esposti, dal 2006, nella Torre Tesori al piano interrato di Palazzo Madama. Anche il Medagliere è custodito in deposito.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 783 cart. 16 fasc. 10 n. ord. 6
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà