Home \ Tomba sulla sinistra della Stura
Scheda: Luogo - Tipo: Monumenti, lapidi e fontane

Tomba sulla sinistra della Stura

Circa 200 metri a sud della cascina Gli Stessi (poi demolita per far posto alla Falchera Nuova) è venuta alla luce una tomba a cassa mentre si sterrava un tratto di prato.


Lat: 45.12676 Long: 7.713708

Ritrovamento: Aprile 1897

Costruzione: VII Sec. (600-699) - VIII Sec. (700-799)

  • Indice
  • Tag
  • carta archeologica
  • La tomba era costruita, in modo molto regolare, con spezzoni di mattoni e tegole romane di vario spessore. Aveva il fondo in terra e la copertura a doppio spiovente realizzata con mattoni interi. Le poche ossa rimaste sul fondo, quando poté vederle Ermanno Ferrero, erano state manomesse dagli scavatori e sconvolte da un forte acquazzone. Non vi era alcun oggetto di corredo.

    Si trattava probabilmente di una sepoltura isolata o pertinente a un piccolo sepolcreto legato a uno dei tanti insediamenti di cui doveva essere punteggiata la campagna. Una datazione a età longobarda è suggerita dalla tipologia della sepoltura, destinata comunque a un personaggio abbiente, e alla sua collocazione ancora non strettamente connessa a un edificio di culto, come sarà poi la norma dopo l'VIII secolo.

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino
    • Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie