Home \ Velodromo Umberto I
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Velodromo Umberto I

Costruito nel 1895, il velodromo Umberto I è ricordato non soltanto per le gare ciclistiche, ma soprattutto come campo da calcio: nel 1898 vi si giocò il primo campionato italiano, e all’inizio del Novecento ospitò le partite di Torino e Juventus.


Lat: 45.057041 Long: 7.66048

Costruzione: 1895

Demolizione: 1910

  • Indice
  • Categorie
  • stadio
  • impianto sportivo
  • Quello intitolato al re Umberto I è uno dei primi velodromi d’Italia; costruito nel 1895 dall’Unione Velocipedistica Italiana nell’area della Crocetta (approssimativamente tra le attuali vie Torricelli,  De Gasperi, Vespucci e corso Duca degli Abruzzi), ospitava le gare organizzate dalle società ciclistiche cittadine, come la Veloce Club e la Biciclettisti Club. Durante l’Esposizione Generale Italiana del 1898, il 24 e il 26 giugno vi si tennero delle gare, veri e propri “eventi”, essendo la bicicletta una novità che si andava sempre più diffondendo. Sempre nel 1898, l’8 maggio, vi si giocò il primo campionato italiano indetto dalla Federazione Italiana Football (che diventerà FIGC): la mattina si tennero le eliminatorie, il pomeriggio la finale. Vi parteciparono l’Internazionale, il FC Torinese, la Società Ginnastica Torinese e il Genoa. Vinse il Genoa. Con il nuovo secolo si intensificò l’utilizzo calcistico, e tra il 1900 e il 1903 il velodromo divenne sede degli incontri casalinghi del Football Club Torinese. A partire dal 1904 venne affittato permanentemente da Alfred Dick, presidente della Juventus, che fece erigere una tribuna per gli spettatori, che fino a quel momento guardavano la partita in piedi. Nel 1906 Dick venne estromesso dal consiglio direttivo bianconero e fondò il Torino Football Club, di cui diventò il primo presidente. Poiché il contratto d’affitto era intestato a suo nome, il velodromo diventa il campo del Torino, che rimase in questa sede per tre anni, dal 13 gennaio 1907 (Torino-Juventus 2-1) al 9 gennaio 1910 (Torino-US Milanese 13-1) giocando un totale di quindici partite.

    • Bibliografia
    • Sitografia