Home \ Scuola Media Altiero Spinelli
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Scuola Media Altiero Spinelli

Scuola media che fa parte dell’Istituto comprensivo Altiero Spinelli, dalla spiccata vocazione linguistica ed “europea”.

 


VIA FIGLIE DEI MILITARI 25

Costruzione: 1888

Variazione: 1996 - 1997

Inaugurazione: 2000
Intitolazione ad Altiero Spinelli

  • Indice
  • Categorie
  • scuola
  • La scuola media intitolata ad Altiero Spinelli (1907-1986, politico e scrittore italiano) fa parte dell’Istituto comprensivo che porta il suo stesso nome ed ha oggi sede nell’edificio di via Figlie dei Militari 25, opera dell’ingegner Angelo Reycend e originariamente destinato ad accogliere le allieve dell’Istituto nazionale delle Figlie dei Militari, che fu inaugurato nel 1888 in occasione delle nozze del principe Amedeo d’Aosta con la principessa Laetitia. Il Progetto sperimentale per la creazione di una scuola primaria e di una scuola secondaria di primo grado risale all’a.s. 1995-1996. In seguito all’approvazione del primo Protocollo di Intesa tra Provveditorato agli Studi e Comune di Torino, nell’a.s. 1996-1997 sono avviate le prime due sezioni di scuola primaria e le prime due classi della scuola secondaria di primo grado: quest’ultime sono affidate alla Scuola Media Statale Ippolito Nievo (1831-1861, scrittore e patriota italiano). La scuola cresce fino a che, nell’a.s. 1999-2000 viene attivata la prima classe di liceo a indirizzo umanistico/linguistico e scientifico/tecnologico. L’Istituto ottiene così un’autonomia didattica e amministrativa nell’a.s. 2000-2001, quando le sezioni di scuola primaria e secondaria vengono affidate a un unico dirigente scolastico. L’intitolazione ad Altiero Spinelli avviene l’11 dicembre 2000. La scuola accoglie attualmente alunni provenienti da famiglie di origine straniera, da nuclei familiari misti e da famiglie italiane vissute per lungo tempo all’estero, alunni di monolingua italiana che abbiano frequentato la Scuola Comunale Materna Europea di via Lodovica 2, alunni monolingua italiana con buona esposizione a una delle lingue comunitarie insegnate nella scuola, alunni monolingua inglese, francese o tedesca (sia residenti sia a permanenza episodica in Italia).

     

    • Sitografia
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Fondazione Tancredi di Barolo