Home \ Scuola elementare Angiolo Gambaro
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Scuola elementare Angiolo Gambaro

Scuola elementare Angiolo Gambaro. Fotografia di Paola Boccalatte, 2013. © MuseoTorino

Costruita negli anni Settanta del Novecento, è da sempre all’avanguardia per i progetti di sperimentazione e integrazione.

 


VIA GIUSEPPE TALUCCHI 19

Costruzione: 1972

  • Indice
  • Categorie
  • scuola
  • Scuola elementare costruita nel 1972, si trova nell’isolato prima occupato da una segheria-falegnameria. L’edificio, su tre piani, è costituito da due corpi rettangolari uniti da un corridoio con vetrate e dispone di due ingressi, palestra, mensa, aula computer, cortile alberato intorno al fabbricato. Negli anni seguenti alla costruzione sono stati eseguiti lavori di riadattamento tra cui l’ingresso per disabili e nel 2009 le scale antincendio. La scuola è nata come succursale della Carlo Boncompagni, il cui direttore, Aldo Gavosto, aveva voluto intitolarla al sacerdote Angiolo Gambaro, (1883-1967) pedagogista, suo insegnante alla facoltà di Magistero di Torino.
    Intorno al 1975 nella scuola vengono effettuate antesignane prove di evacuazione e viene fondata l’associazione “Scuola e famiglia”, precorritrice dei Decreti delegati. Autonoma dal 1978 con l’istituzione della direzione didattica, la Gambaro conta, alla fine degli anni Settanta, 722 alunni, cui si sommano gli oltre 300 della succursale in via Bianzè 9 (oggi sede della media Nigra). Fino agli anni Novanta frequentavano le scuola anche le bambine ospiti dell’istituto Sacra Famiglia.
    L’istituto è all’avanguardia per l’inserimento dei ragazzi con disabilità e per le varie sperimentazioni quali l’insegnamento della lettura e della scrittura col metodo Ferruccio Deva, l’insegnamento sperimentale di scienze, storia e matematica, spettacoli teatrali, il coro scolastico Cantascuola, mostre (Pinocchio, La scuola di una volta), corrispondenza in inglese con una scuola dello Zambia.
    La Gambaro è inserita nel circuito “Biblioteche in rete” ed è stata tra le prime scuole ad applicare il tempo pieno, le classi aperte e l’insegnamento della seconda lingua straniera.

     

    • Ente Responsabile
    • Fondazione Tancredi di Barolo