Home \ Cascina Borsello, Il Borsetto
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Cascina Borsello, Il Borsetto

Il Borsello, cascina a corte chiusa di origine seicentesca, conserva ancora oggi la sua struttura originaria caratterizzata dalla presenza di una piccola torre, forse una colombaia, che svetta all’angolo della casa.


Lat: 45.10817 Long: 7.646476

Costruzione: XVII Sec. (1600-1699)

  • Indice
  • Categorie
  • cascina
  • Rilevata nella Carta topografica della caccia del 1762 come due corpi di fabbrica posti frontalmente con corte frapposta, è denominata “Le Ca’ di Dont.co del Bosco”.

    Nel 1790, l’architetto Grossi censisce “il Borsello cascina di Borsello e Dalmazzo sita vicino al casino del sig. Marchese di Barolo”.

    Localizzata nei pressi del feudo di Lucento, è costituita da due corpi di fabbrica posti frontalmente; un viale d’accesso, probabilmente alberato, giunge sino alla corte interna, nelle vicinanze scorre una derivazione della bealera Putea ed è attiguo al “Casino Barolo”.

    Le mappe del Catasto Napoleonico del 1805 evidenziano erroneamente un ampliamento delle fabbriche che già nella Carta delle Regie caccie del decennio successivo evidenziano solamente l’aggiunta di un piccolo corpo di fabbrica all’angolo sud-est della corte.

    Nelle mappe del Catasto particellare Gatti del 1820 la cascina Borsello risulta costituita da case rustiche, forno comune, aia comune, casi da terra (depositi di attrezzi e prodotti agricoli), orti, prati e campi. In quel periodo la proprietà è ascritta alla famiglia Borselli.

    Il geometra Rabbini nel 1840 rileva alcuni ampliamenti delle due fabbriche, che si presentano con pianta ad “L”, e nel successivo catasto del 1866 si registra un ulteriore ampliamento: la costruzione di un nuovo corpo di fabbrica che chiude la corte ad est.

    Non si registrano variazioni planimetriche con la Variante al Piano regolatore del 1926.

    Nel 1970 la cascina è di proprietà dei Beruto i quali, come afferma E. Gribaudi Rossi, “non sanno dire se i loro vecchi abbiano comperato la cascina direttamente dai Sig.ri Borsello e Dalmazzo, ma la loro famiglia abita qui da più di 150 anni”.

    La tradizionale struttura a corte si conserva ancora oggi, caratterizzata dalla presenza di una piccola torre, forse una colombaia, che svetta all’ angolo della casa.

    Attualmente l’edificio, anche se ampiamente rimaneggiato, è in buono stato di conservazione ed è adibito ad uso residenziale.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    IL BORSELLO O BORSETTO
    Strada di Altessano

    Cascina di pianura.
    Segnalazione di edificio rurale di interesse documentario, esempio di cascina di pianura ora inserita nel costruito ed in uso residenziale.
    Costruzione già presente nell'ultimo quarto del Settecento.


    A. GROSSI, 1790, p. 29; CARTA COROGRAFICA DIMOSTRATIVA […], 1791, 31; PLAN GEOMÉTRIQUE 1…1. 1805; [Catasto RABBINI], 1866; TOPOGRAFIA / DELLA CITTÀ […], 1840; E. GRIBAUDI ROSSI. 1970, pp. 177-178. 198, 274.
    Tavola: 18

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Carta Topografica della Caccia, 1760-1766, Archivio di Stato di Torino, Sezione Corte, Carte topografiche segrete, Torino 15 A VI Rosso
    • Amedeo Grossi, Carta Corografica dimostrativa del territorio della Città di Torino, 1791, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1800
    • Mappa primitiva Napoleonica, 1805, Archivio Storico della Città di Torino, CAN, Sezioni 1-70
    • Plan Geomêtrique de la Commune de Turin, 1805, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Francese, Allegato A, Mappe del Catasto Francese, Circondario di Torino, Mandamento di Torino, Torino
    • Carta dei Distretti riservati per le Regie Cacce divisa in sette parti, 1816, Archivio di Stato di Torino, Sezione Corte, Carte Topografiche per A e B, Torino, Torino 26
    • Andrea Gatti, Catasto Gatti, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, CAG, sez. 31
    • Andrea Gatti, Colonnario Territoriale, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, COLL TER, sez. 31 , art. 1167-1168
    • Antonio Rabbini, Topografia della Città e Territorio di Torino, 1840, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1803
    • Antonio Rabbini, Mappa originale del Comune di Torino, 1866, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Rabbini, Circondario di Torino, Mappe, distribuzione dei fogli di mappa e linea territoriale, Torino
    • Servizio Tecnico Municipale del Comune di Torino, Pianta di Torino, 1935, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.8
    • Istituto Geografico Militare, Carta IGM, 1974, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.11
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino