Home \ Città giardino di Mirafiori, via Plava
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Città giardino di Mirafiori, via Plava

Primo insediamento di questo genere sorto a Torino, la città-giardino è realizzata nel 1928 con la costruzione di diciannove casette assegnate con patto di futura vendita, distinte dal gusto dell’architettura decò come attestano gli esempi rimasti.


Lat: 45.01772894859407 Long: 7.622838020324707

Costruzione: 1928

Variazione: 1968 - 1980
Rifacimenti e parziali demolizioni

  • Indice
  • Categorie
  • edilizia popolare
  • Costruito nel 1928 in regione San Francesco di Mirafiori, l’insediamento è il primo nel suo genere a essere realizzato in città. A promuovere i lavori è l’Ente Nazionale della Città Giardino, appositamente fondato nel 1926 allo scopo di favorire la diffusione di simili nuclei residenziali, esaltati da tempo nell’ambito del movimento italiano per le case popolari sulla scorta della realtà britannica. Le città-giardino delineano infatti un’alternativa salubre alle situazioni di pernicioso affollamento diffuse nel centro storico, nonché al caos delle nascenti periferie industriali. Al contempo si trattava di un modello particolarmente ammirato quale anello di congiunzione fra i vantaggi della quiete agreste e le esigenze della vita urbana, in grado di offrire ai lavoratori occasioni di svago all’aperto, lontano dai vizi delle osterie. Nel 1929 crescenti difficoltà finanziarie impongono tuttavia la liquidazione dell’Ente Nazionale della Città Giardino, assorbito nel corso dell’anno successivo dall’Istituto per le case popolari. Quest’ultimo si trova così ad acquisire diciannove casette a due piani fuori terra, dislocate in un’area circoscritta lungo l’asse di via Plava dalle vie Monte Cengio, San Michele del Carso, Monte Sei Busi e Coni Zugna. Assegnati con patto di futura vendita, i villini sono uniformati a cadenze dell’architettura di matrice art decò, come attestano gli esempi sopravvissuti alle demolizioni eseguite a partire dalla fine degli anni Sessanta sotto la spinta del processo di urbanizzazione che investì allora la zona.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CITTÀ GIARDINO
    Sull'asse di Via Plava, tra le Vie Monte Cengio, S. Michele del Carso, Monte Sei Busi, Coni Zugna

    Complesso di edilizia a villini unifamiliari di impianto urbanistico unitario con ampie pertinenze verdi.
    Segnalazione di piccolo nucleo di villini unifamiliari di edilizia economica, d'interesse ambientale e documentario; singolare testimonianza di insediamento residenziale suburbano anni Venti, parzialmente realizzato con architettura art-déco di caratteristiche tipologiche e decorative omogenee.
    Su progetto del 1928 edificazione della «Città giardino», del complesso edilizio originale restano tre palazzine all'inizio di Via Plava, a destra.
    Tavola: 78/79

    • Bibliografia
    • Fototeca