Home \ Case della Società cooperativa per abitazioni civili
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Case della Società cooperativa per abitazioni civili

Destinate ad accogliere un’utenza medio-alta, le palazzine di via Polonghera 47-49 furono articolate in alloggi di tre-quattro vani, arricchite all’esterno da una raffinata interpretazione del repertorio decorativo di matrice liberty definita dall’estro creativo di Giovanni Gribodo.


Lat: 45.06611612069185 Long: 7.654198408126831

Costruzione: 1907

  • Indice
  • Categorie
  • liberty
  • edilizia popolare
  • abitazione
  • Si tratta del primo caseggiato eseguito dalla Società cooperativa per abitazioni civili dopo i provvedimenti di riorganizzazione intrapresi nel 1907 allo scopo di uniformare lo statuto alla normativa vigente in materia di case popolari. Fondata nel 1903 a ridosso dell’approvazione della legge sulle case popolari promossa dallo statista veneziano Luigi Luzzatti (1841-1927), la cooperativa si era dedicata sino ad allora alla costruzione di eleganti villini per i soci più agiati in grado di acquistare il terreno. Non riuscì a soddisfare richieste meno dispendiose, benché il bacino di utenza interessato riunisse prevalentemente soggetti di estrazione sociale medio-alta. Le agevolazioni fiscali concesse dalla legge consentirono di impegnare il capitale raccolto innanzitutto nella realizzazione di fabbricati più ampi, articolati in appartamenti da cedere in affitto o vendita, come avvenne con le due palazzine di via Polonghera. In coerenza con le velleità di distinzione del target sociale coinvolto, gli edifici furono strutturati in alloggi di tre e quattro camere oltre la cucina e i servizi igienici, caratterizzati esternamente da apparati decorativi di gusto liberty dovuti all’estro creativo dell’ingegnere Giovanni Gribodo (1884-1924), presidente e direttore tecnico della società, più tardi sostituito da un altro celebre progettista quale l’ingegnere Riccardo Brayda (1849-1911). La società produsse così alcune delle più raffinate architetture del liberty torinese, nel conforto delle opportunità offerte dalla prima legge italiana per l’edilizia popolare.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    EDIFICI DELLA SOC. COOP. PER ABITAZIONI CIVILI
    Via Polonghera 47, 49

    Edifici di edilizia popolare da cooperativa.
    Segnalazione di edifici civili di significato documentario, esempio di edilizia popolare da cooperativa inizi Novecento. Su progetto del 1907 edificazione di due fabbricati di civile abitazione per conto della Società Cooperativa per abitazioni civili.
    Tavola: 40

    • Bibliografia
    • Fototeca

    Temi correlati