Home \ Gli scioperi del marzo 1943
Scheda: Evento - Tipo: Storico

Gli scioperi del marzo 1943

Tra il 5 e il 17 marzo 1943, le fabbriche torinesi sono bloccate da una protesta che coinvolge 100.000 operai. Dietro alle rivendicazioni economiche, le agitazioni hanno un chiaro intento politico e cioè la fine della guerra e il crollo del fascismo. Un’ondata che da Torino si estende alle principali fabbriche del Nord Italia.


Inizio: 01 Marzo 1943
Sciopero alla Fiat Mirafiori

Data dell'evento: 05 Marzo 1943
Sciopero alle Officine Rasetti e in altri stabilimenti

Data dell'evento: 06 Marzo 1943
Sciopero alla Microtecnica

Data dell'evento: 08 Marzo 1943 - 15 Marzo 1943
Gli scioperi si estendono a macchia di leopardo coinvolgendo tutte le fabbriche torinesi

Data dell'evento: 12 Marzo 1943
Agli operai si uniscono i tranvieri torinesi che richiedono l’assegnazione delle 192 ore

Fine: 18 Marzo 1943
Fine dell’ondata di agitazioni e ripresa del lavoro

  • Indice
  • Categorie
  • sciopero
    • Tag
  • Pace
  • Le agitazioni dell’estate 1942 e dei primi due mesi dell’anno successivo promuovono all’inizio del marzo 1943 una protesta più ampia ed estesa. La scintilla scatta dopo l’emanazione di un provvedimento di indennità straordinaria per i lavoratori sfollati (concessione di 192 ore di paga), provocando la reazione di quelli non sfollati che chiedono l’assegnazione delle 192 ore per tutti. Alle 10 in punto di ogni mattina, nelle fabbriche torinesi, risuona la sirena della prova di allarme antiaereo. È questo il segnale di inizio delle agitazioni dei lavoratori che, insieme alla concessione dell’indennità di sfollamento, chiedono anche l’aumento del salario e del razionamento. Il 1° marzo uno sciopero programmato alla Fiat Mirafiori fallisce senza riuscire a generalizzare la protesta. Il 5 marzo, ancora alla Fiat Mirafiori, la direzione ordina di non azionare la sirena; un gesto che non impedisce la fermata di alcuni reparti. Lo stesso giorno un’altra agitazione scoppia alle Officine Rasetti, propagandosi nelle altre fabbriche cittadine. È il primo atto degli scioperi del marzo 1943, per il pane, la pace e la libertà, che tra il 5 e il 17 marzo coinvolgono oltre 100.000 operai. La repressione, 850 arresti e il ritiro di centinaia di esoneri, e l’apertura alle principali rivendicazioni degli scioperanti fanno riprendere il lavoro giovedì 18 marzo. Da Torino, gli scioperi si estendono in tutto il Piemonte e nelle fabbriche delle principali città del Nord. Le giornate del marzo 1943 rappresentano una svolta, poiché dietro alle richieste economiche si cela una precisa volontà politica, e cioè la fine della guerra e il crollo del fascismo.

     

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • La Settimana Incom 01240 27/04/1955 25 aprile 1945 - 25 aprile 1955. Numero unico dedicato ai fatti della primavera del 1945
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • ISMEL