Home \ Tombe in via Foggia
Scheda: Luogo - Tipo: Monumenti, lapidi e fontane

Tombe in via Foggia

Nel 1887, durante i lavori per un nuovo incanalamento del corso d’acqua del Regio Parco e per le altre opere di urbanizzazione legate all’apertura di via Foggia e delle vie limitrofe, venne alla luce una piccola porzione di necropoli.


Lat: 45.077104 Long: 7.692005

Costruzione: II Sec. (100-199) - IV Sec. (300-399)

Ritrovamento: 1887 - 1888

  • Indice
  • Tag
  • carta archeologica
  • Le poche tombe erano già sconvolte al momento del rinvenimento o furono distrutte nel corso dei lavori. Erano disposte senza apparente ordine e avevano il fondo in tegoloni per una lunghezza massima di un metro e mezzo: probabilmente, come osservato in altre sepolture torinesi, la protezione in laterizi era destinata al solo tronco del defunto. Pochissimi gli oggetti di corredo e tra questi una moneta di Faustina minore, moglie di Marco Aurelio, e alcune monete dell’inizio del IV secolo.

    L’iscrizione di Tito Fadio, databile probabilmente nel II secolo d.C., doveva essere stata ritagliata e reimpiegata come copertura di una sepoltura di epoca posteriore. È oggi conservata al Museo di Antichità di Torino.

    L’anno seguente, nel proseguire i lavori di incanalamento del corso d’acqua, vennero nuovamente alla luce oggetti appartenenti a corredi funerari sconvolti.

     

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino
    • Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie