Home \ 4° Quartiere IACP
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

4° Quartiere IACP

Sorto nel 1909 fra corso Sebastopoli e le vie Tripoli e Castagnevizza, il complesso fu articolato secondo le scelte compiute in quegli anni dall’IACP di Torino, confermando la predilezione per stabili dalle medie dimensioni suddivisi in alloggi di piccola metratura.


Lat: 45.044253 Long: 7.645824

Costruzione: 1909

  • Indice
  • Categorie
  • abitazione
  • edilizia popolare
  • Il complesso fu edificato nel 1909 su un’area concessa gratuitamente dal Comune di Torino, utilizzando alcuni appezzamenti derivati dalla lottizzazione della nuova piazza d’Armi, definita nell’ambito del primo piano regolatore generale della città ratificato nell’anno precedente. Circoscritto fra corso Sebastopoli e le odierne vie Tripoli e Castagnevizza, l’insediamento risentì dei problemi che interessarono sino alla grande guerra i quartieri periferici, lasciando registrare un numero ragguardevole di alloggi sfitti a causa del lento progredire dell’urbanizzazione della zona. Siglato dall’ingegnere Giacomo Fochesato, direttore dell’ente dalla fondazione agli anni Venti, il progetto produsse due fabbricati di medie dimensioni per un insieme di circa trecentosessanta alloggi di piccola metratura, secondo un’impostazione tipologica iterata in quel periodo con poche varianti. Al piano terreno furono ricavati locali per botteghe e negozi, previsti in genere negli edifici più lontani dall’area urbana, con il divieto però di esercizi per il consumo di vini e liquori, ponendo un veto alle osterie, espressione della sociabilità operaia di quartiere, nell’intento di arginare la piaga dell’alcoolismo. I prospetti esterni furono scanditi da un rigore geometrico stemperato nelle curve dei ferri battuti dei balconi, quasi in un gioco di rispondenze con le linee ispirate agli stilemi dell’art nouveau che arricchivano i soffitti delle camere, come documentato dagli esempi sopravvissuti sino a tempi recenti. Una ricerca di distinzione e raffinatezza non esulò infatti dalle case popolari, pur nell’ineluttabile condizionamento delle esigenze economiche.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    QUARTIERE 4°
    Via Tripoli 71/75, Via Baltimora, Via Castagnevizza

    Quartiere IACP di edilizia popolare.
    Nucleo di edifici di valore ambientale e documentario tipico esempio di edilizia popolare del primo periodo IACP (1908-1920).
    Su progetto del 1909 edificazione di due fabbricati di civile abitazione per conto dell'IACP.

    IACP, 1967; ID.. 1972; L. FAVERO, 1979; E. TAMAGNO, in AA.VV., Patrimonio [...], 1980; ID., 1981.
    Tavola: 56/57/65

    • Bibliografia
    • Fototeca