Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Niche, ex ottica Bonino, già Mira profumeria

Arredi interni, devanture e bacheca a pilastro del negozio testimoniano uno degli esempi più interessanti, uniformi e raffinati di arredo commerciale dell'asse di via Po, degli anni Venti del Novecento.


VIA PO 12/B

Realizzazione: 1920

Variazione: 1989

Variazione: 2005

Categorie

  • negozio

Tag

  • Locali storici

1. Cenni storici

La profumeria Niche, nota tra gli anni 1920 e il 1980 con il nome Mira, fu la dépandance della vicina profumeria dell’Università (sita al numero 4/B di via Po), entrambe avviate dalle sorelle Barzizza.

La profumeria Mira era anche un piccolo salotto dove le signore si ritrovavano per prendere un bagno nelle vasche collocate nel retro del locale di vendita o sottoporsi a cure cosmetiche.

Dal 1989 al 2005 ha ospitato l’ottica Bonino cui si deve anche la ristrutturazione dell’interno con, purtroppo, l'eliminazione dell'originario soffitto a cassettoni. L'attuale gestione, con il nome Niche, ha riportato la bottega al suo passato di profumeria.

2. Arredi esterni

La devanture è costituita da un monoblocco in legno di noce con vetrina sulla sinistra e la porta realizzata in una piccola bussola d'invito con bei cristalli molati. Si appoggia su uno zoccolo in calcare brecciato con vene bianche di calcite. I quattro montanti scolpiti a semicolonna sono arricchiti da basi, collari e capitelli in ottone.

Nella parte superiore i serramenti presentano una fascia continua di vetri molati che richiamano quelli del Caffè Mulassano in piazza Castello. Il portainsegna, dal disegno lineare, ha una cornice a dentelli nella parte superiore ed ovuli in quella inferiore. Sulla destra in alto spicca un profilo di donna con una rosa in mano, bassorilievo in gesso dorato di gusto liberty che caratterizza l'intera devanture.

La facciata è completata da una bacheca del medesimo disegno, applicata al pilastro del sottoportico antistante l'ingresso.

 

3. Arredi interni

Il locale si sviluppa in profondità con un primo vano destinato alla vendita che conserva gli arredi originari in legno di ciliegio, di gusto quasi déco, e due vani retrostanti.

Tutto l'arredo è francese e risale al primo ventennio del Novecento: si conservano intatte le scaffalature continue a parete in ciliegio con riquadri in mogano e vetro, le cui ante a giorno ripropongono i motivi del bancone.

Il locale vendita aveva un soffitto cassettonato in stucco dipinto, precedente alla realizzazione del negozio, malauguratamente demolito in conseguenza di una scelta maldestra di intervento, in occasione del quale anche il bel lampadario a coppa con bracci ricurvi ancora visibile nelle foto della prima profumeria è stato sostituito con un'illuminazione moderna.

Fonti Archivistiche

  • Legge Regionale 4 marzo 1995/n. 34 “Tutela e valorizzazione dei locali storici” catalogo Guarini Piemonte, presso CSI Piemonte, scheda n. R0081840 e allegati

Fototeca

Itinerari correlati

Ente Responsabile

  • MuseoTorino