Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Case economiche municipali (Quartiere 20°)

Veduta del caseggiato delle Case economiche municipali su corso Belgio. Fotografia di Maria D'Amuri, 2011.

Secondo intervento promosso dalle autorità civiche nel primo dopoguerra, il complesso fu articolato in un edificio a cinque piani fuori terra su corso Belgio e un altro più basso fra le vie Ricasoli e Manin, per un totale di sessantuno alloggi.  Nel 1938 i fabbricati furono ceduti all’Istituto per le case popolari, di cui andarono a costituire il 20° quartiere, in cambio delle palazzine fra corso Spezia e via Santena. Nel 1943 l’ente scelse di vendere i caseggiati a un’impresa privata allo scopo di ricavare fondi per finanziare la costruzione dei quartieri 23° e 25°.


Indirizzo: Lat: 45.071846133301264 Long: 7.704688310623169

Costruzione: 1922

    Categorie


  • edilizia popolare
  • abitazione

Note


Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
QUARTIERE 20°
Corso Belgio 17/21, Via Ricasoli, Via Manin 10, 12

Quartiere IACP di edilizia popolare.
Segnalazione di edifici civili di interesse documentario, tipico esempio di edilizia popolare del secondo periodo IACP (1920-1930).
Su progetto del 1922 edificazione di n. 2 fabbricati di abitazione popolare per conto dell'IACP.

IACP, 1967; lD., 1972; L. FAVERO, 1979.
Tavola: 42

    Bibliografia


  • Politecnico di Torino. Dipartimento Casa Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Vol. 1, Società degli ingegneri e degli architetti in Torino, Torino 1984, p. 448
  • D'Amuri, Maria (a cura di), 1848-1923: edilizia popolare a Torino. Il problema della casa e la politica municipale, Archivio storico della Città di Torino, Torino 2010, pp. 189-194

Fototeca