Home \ Palazzo Perucca della Rocchetta
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Palazzo Perucca della Rocchetta

VIA GIUSEPPE BARBAROUX 25

Costruzione: XVIII Sec. (1700-1799)

Bombardamento: 08 Settembre 1942

Bombardamento: 20 Novembre 1942

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • palazzo
  • abitazione
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    L'edificio fu colpito da bomba dirompente (novembre 1942) e incendiaria (settembre 1942). Riportò i seguenti danni: distacco del tetto, crollo di muri interni e pavimenti, schiantamento toale degli infissi con distruzione parziale di soffitte. Nel giugno 1944 erano già state effettuate opere di ripristino totale di muri e pavimenti. Nello stesso isolato (via Stampatori 7, 9) e in vicolo Santa Maria si riscontrarono i danni più gravi, con la distruzione di 5 piani (via santa Maria 6) e distruzione totale sul fronte di via Stampatori.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    PALAZZO PERUCCA DELLA ROCCHETTA
    Via Barbaroux 29, Via Botero

    Palazzo per residenza di rappresentanza e per affitto.
    Palazzo di valore storico-artistico, ambientale e documentario. Costituisce uno dei più significativi e conservati esempi di palazzo settecentesco torinese.
    Presenta un caratteristico androne con volta a vela lunettata di tipo planteriano. Il corpo centrale presenta una breve rientranza verso cortile, sottolineante il valore polare dell'androne nella sequenza scenografica degli spazi di ingresso e di cortile. Il complesso dei palazzi Perucca, Villanis e Capris di Cigliè (schede 110, 124) costituisce una sequenza di edifici settecenteschi caratterizzanti il tessuto e l'ambiente di Via Botero.

    A. CAVALLARI MURAT, 1957; ISTITUTO DI ARCHITETTURA TECNICA, 1968, vol. I, p. 659.
    Tavola: 41

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 48 cart. 1 fasc. 48
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà