Home \ Arbiter, valigeria
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Arbiter, valigeria

Storica pelletteria e valigeria all’angolo tra piazza Carlo Felice e piazza Lagrange. Si segnala come significativo esempio ottocentesco di bottega di pelletterie per la sequenza di numerose e ampie vetrine, severe devantures, chioschi interpilastro in noce, bacheche angolari in ferro e ghisa, interno parzialmente conservato.

 


PIAZZA CARLO FELICE 35

Realizzazione: 1889 - 1891

Ampliamento: XX Sec. (1900-1999)
Inizio

  • Indice
  • Categorie
  • negozio
    • Tag
  • locali storici
  • 1. Cenni storici e arredi

    Il negozio aperto da Felice Patrone nel 1889 nasce come bottega di ombrelli, bastoni e ventagli (1); passa successivamente a Amedeo Mezzani, titolare che amplia l’assortimento di articoli con un’ampia scelta di valige, bauli, pellicce confezionate su misura nell’atelier al piano ammezzato.

    L’unitarietà dell’arredo esterno circoscrive visivamente lo spazio pubblico del sottoportico inteso come propaggine della bottega, con vetrine, chioschi interpilastro e bacheche angolari che riprendono il disegno, la decorazione, i materiali e la decorazione della facciata principale (2).

    Due le facciate, ambedue caratterizzate da uno zoccolo in marmo: la principale, su piazza Carlo Felice, è la più antica (1889), un monoblocco in noce scolpito su zoccolo in marmo scuro, montanti scanalati conclusi con piccole mensole; al di sopra il portinsegna con cornice intagliata a ovuli e mensoline dorate che sostengono la cornice aggettante. Da segnalare la gioielleria d’angolo che conserva l’originaria insegna in legno dipinto della ditta Soave.

    Su piazza Lagrange si affaccia la seconda devanture, un monoblocco in ferro e ghisa dei primi anni del Novecento, con ingresso oggi non più utilizzato, che conserva il portinsegna decorato lateralmente da angeli in fusione di ghisa. Su questo lato, infissa all’edificio, è collocata una grossa insegna dipinta su metallo.

    Il vasto locale conserva la scansione originaria degli spazi interni: adibiti alla vendita al pianterreno, cinque vani con volte in stucchi su due livelli avvolti da calde boiseries e pavimenti originali a parquet ospitano banchi a isola, banconi e scaffalature a giorno o chiuse da ante in noce pregiato di fine Ottocento.

    Al piano ammezzato collegato da scala in legno, si trovano magazzino e uffici.

    Note

    (1)   ASCT, Facciate di negozi, 1851-1899, cart. 9, dis. 69, Progetto di facciata in legno che il signor Patrone Felice intende collocare fissa al muro del suo negozio sito sotto i portici / di piazza Carlo Felice nella casa di proprietà dell’Ill. mo Sig. Simondetti comm.re Carlo, segnata col civico n. 5 in Torino, Torino, 28 dicembre 1889.

    (2)   ASCT, Ibid., cart. 10, dis.5, Progetto di vetrine in legno che il Sig. Patrone Felice intende collocare fisse al pilastro binato AB di prospetto al suo negozio / sito in piazza Carlo Felice (sotto il portici), Torino, 12 febbraio 1891.

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Legge Regionale 4 marzo 1995/n. 34 “Tutela e valorizzazione dei locali storici” catalogo Guarini Piemonte, presso CSI Piemonte, Galfione-Barozzo P., Ghisotti Silvia, scheda n. R0160911 e Allegati
    • ASCT, TD 9.69
    • ASCT, TD 10.5
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino, 2017