Home \ Cascina Maina, già Cascina Riccardi
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Cascina Maina, già Cascina Riccardi

La cascina Maina, situata nella zona delle Basse del Lingotto, prende il nome dal suo primo proprietario. E’ di origine settecentesca ed è stata ampliata tra la fine del XVIII secolo e il XIX secolo. Oggi restano solo poche strutture adibite a deposito.


Lat: 45.020266400624074 Long: 7.650647163391113

Notizie dal: XVIII Sec. (1700-1799)

Trasformazione: 1790
nella Guida alle cascine e ville, Grossi attribuisce la proprietà della cascina al signor Maina

Trasformazione: 1791
nella Carta corografica, Grossi rileva il cambio di proprietà a nome del signor Riccardi

Ampliamento: 1840
: il catasto Rabbini riporta il cambiamento planimetrico da cascina con impianto a L a struttura a C

  • Indice
  • Categorie
  • cascina
  • “Il Majna cascina del signor Majna con fabbrica civile, e giardino situata alla destra della strada di Pinerolo nella region delle basse del Lingotto lungi due miglia e mezzo da Torino” è censita nel 1790 dall’architetto Amedeo Grossi, che annota anche come il signor Maina “abita in detta cascina”, conducendo quindi direttamente l’azienda agricola.

    Va rilevato come il Grossi attribuisca l’edificio al Maina nel testo sulle cascine e al negoziante Riccardi nella Carta Corografica dell’anno successivo, forse per un improvviso passaggio di proprietà. Nella documentazione cartografica di questo periodo l’edificio rurale mostra una pianta a “L”, a corte chiusa.

    Nelle mappe del Catasto particellare Gatti del 1820 la cascina, denominata “Riccardi”, registra un piccolo ampliamento verso sud che accenna alla successiva trasformazione planimetrica da “L” a “C”. La proprietà è attribuita a Felice Riccardi e risulta composta da casa civile, case rustiche, forno comune, aia, cortile, giardino, prati, orti e campi.

    Il geometra Antonio Rabbini, prima nel 1840, e poi nelle mappe del catasto del 1866 ne rileva le variazioni planimetriche sopravvenute, consistenti soprattutto nella trasformazione della pianta del fabbricato a “C”. Proprietari risultano essere gli eredi Riccardi.

    Nella seconda metà del XX secolo, come risulta dalla Carta I.G.M. del 1974, sono state demolite parti delle maniche della cascina poste a levante

    Attualmente dell’antica cascina rimangono alcuni elementi residuali, quali tettoie e casi da terra (depositi per gli attrezzi e i prodotti agricoli) in buono stato di conservazione.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    MAINA O MEINA
    Via delle Basse, Via Duino

    Cascina di pianura.
    Segnalazione di edificio rurale di significato documentario, ora inserito nel costruito con uso residenziale-artigianale. Il Grossi la definisce fabbrica civile e giardino; viene riportata su tutta la cartografia successiva.

    A. GROSSI, 1790, p. 87, 27 C. 4; CARTA COROGRAFICA DIMOSTRATIVA […], 1791; PLAN GEOMÉTRIQUE […], 1805; [Catasto RABBINI], 1866; TOPOGRAFIA/ DELLA CITTÀ […], 1840; E. GRIBAUDI ROSSI, 1970, p. 23.
    Tavola: 80

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Amedeo Grossi, Carta Corografica dimostrativa del territorio della Città di Torino, 1791, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1800
    • Plan Geomêtrique de la Commune de Turin, 1805, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Francese, Allegato A, Mappe del Catasto Francese, Circondario di Torino, Mandamento di Torino, Torino
    • Carta dei Distretti riservati per le Regie Cacce divisa in sette parti, 1816, Archivio di Stato di Torino, Sezione Corte, Carte Topografiche per A e B, Torino, Torino 26
    • Andrea Gatti, Catasto Gatti, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, CAG, sez. 18
    • Andrea Gatti, Colonnario Territoriale, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, COLL TER, sez. 18 , art. 946
    • Antonio Rabbini, Topografia della Città e Territorio di Torino, 1840, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1803
    • Antonio Rabbini, Mappa originale del Comune di Torino, 1866, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Rabbini, Circondario di Torino, Mappe, distribuzione dei fogli di mappa e linea territoriale, Torino
    • Istituto Geografico Militare, Carta IGM, 1911, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D135
    • Servizio Tecnico Municipale del Comune di Torino, Pianta di Torino, 1935, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.8
    • Istituto Geografico Militare, Carta IGM, 1974, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.11
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino