Home \ Facoltà di Medicina Veterinaria
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Facoltà di Medicina Veterinaria

La Regia Scuola Veterinaria fu fondata nel 1769 da Carlo Emanuele III. Occupò la sede di via Nizza 52 a partire dall'anno 1859. Nel 1934 nacque la Facoltà di Medicina Veterinaria integrata nell’Ateneo di Torino. Durante il secondo conflitto mondiale il complesso che ospitava i padiglioni universitari subì tre bombardamenti che lo distrussero parzialmente.


VIA NIZZA 52

Costruzione: XVII Sec. (1600-1699)

Bombardamento: 13 Agosto 1943

Bombardamento: 17 Agosto 1943

Bombardamento: 04 Giugno 1944

Trasformazione: 1996

  • Indice
  • Categorie
  • università
  • bombardamento
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    La Facoltà di Medicina Veterinaria occupava il complesso tra via Nizza 52 e via Brugnone 2. Durante le incursioni aeree del 13 e 17 agosto 1943 e del 4 giugno 1944, bombe incendiarie e dirompenti si abbatterono sull'area causandone la parziale distruzione. Bombe dirompenti e spezzoni incendiari provocarono lo scoperchiamento del tetto, il crollo di quattro padiglioni dello stabile e il sinistramento di altri due, danni ai muri, alle volte ed alle tramezze, distruzione parziale degli infissi. Nel novembre del 1944, la Divisione di Urbanistica e Statistica rilevò un ripristino parziale del tetto e degli infissi. Nello stesso isolato, al civico 4 di via Brugnone, si trovava il magazzino di oli lubrificanti della ditta Fratelli Ceresa. I sedici locali del deposito furono in parte distrutti ed in parte gravemente sinistrati il 13 agosto del 1943. Bomba dirompente e spezzoni incendiari causarono il crollo del tetto, di muricci e di infissi. Il magazzino, adibito a deposito di carboni fossili, appartenente alla stessa ditta, sito all'angolo opposto, al civico 5 di via Argentero, subì danni più lievi.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 875, cart. 17, fasc. 52, n. ord. 2
    • Fototeca

    Luoghi correlati

    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà