Home \ Pastificio Defilippis
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Pastificio Defilippis

Il negozio di pasta fresca e ripiena, per cui il Pastificio è giustamente famoso, ha contribuito nel tempo a fare di via Lagrange la strada dei buongustai. Pur attraverso cambi di gestione il negozio ha conservato il nome, segno della continuità della produzione.


VIA GIUSEPPE LUIGI LAGRANGE 39

Notizie dal: 1872

Variazione: 1920

Variazione: 2008

  • Indice
  • Categorie
  • bottega
    • Tag
  • locali storici
  • 1. Cenni storici

    Avviato nel 1872 da Domenico Toso, cuoco della Casa Regnante a Firenze, il laboratorio passa nel 1920 a Maria Defilippis già lavorante di lungo corso nel pastificio. La signora è tra l’altro la madre di Nino, “el cit” campione di ciclismo che in più di un’occasione, sul finire dell’era di Coppi e Bartali, si distingue al Giro d’Italia e al Tour de France.

    Nel 2008 la famiglia Damilano è subentrata alla vecchia proprietà, apportando ai locali diversi cambiamenti e trasformando il pastificio anche in gastronomia e ristorante.

    Pur attraverso il cambio di gestione il negozio ha conservato il nome, segno della continuità della produzione che propone una vasta gamma di pasta disponibile in più di 35 formati dalla pasta fresca all'uovo e ripiena, alla pasta secca di semola di grano duro.

     

    2. Arredi

    L’insegna a lettere oro su fondo nero brilla sulla sobria devanture in legno chiaro. Negli ultimi anni, con la dislocazione del laboratorio e la pedonalizzazione della via Lagrange, il negozio è stato rinnovato e affiancato al ristorante in cui si può apprezzare la qualità delle paste.

    All'interno, il rinnovo del locale originario a volte basse e irregolari, ha sapientemente mantenuto parte degli arredi originali, pannellature e scaffali in legno chiaro con motivi floreali.

    Il piano inferiore dove era collocato il cuore del vecchio pastificio, il laboratorio dove la pasta veniva lavorata, essiccata e confezionata, è adibito a sala ristorante

    • Bibliografia
    • Fototeca

    Itinerari correlati

    • Ente Responsabile
    • Museo Torino, 2017