Home \ Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici Valentino Bosso-Augusto Monti
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici Valentino Bosso-Augusto Monti

Scuola di recente fondazione che sorge sulle vestigia di due istituti torinesi precedenti. L'isolato delimitato dalle vie Antonio Meucci, Luigi Mercantini, Davide Bertolotti e corso Galileo Ferraris ospitava, negli anni del secondo conflitto mondiale, le scuole professionali Clotilde di Savoia e Maria Laetitia, oggi istituto Bosso-Monti. Tre bombardamenti colpirono l'edificio.


VIA ANTONIO MEUCCI 9

Costruzione: 1910

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Bombardamento: 04 Febbraio 1943

Bombardamento: 01 Dicembre 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • scuola
    • Tag
  • bombardamenti
  • 1. Cenni storici

    L’istituto nasce nell’a.s. 2004/2005 dall’unione dei precedenti “Valentino Bosso” e “Augusto Monti” (1881-1966, scrittore e docente italiano) come unico Istituto Professionale con tre indirizzi di studio. La sede attuale si trova in via Meucci 9, vicino ai giardini della Cittadella, e ad essa si accompagnano le due succursali in via Moretta 55 e in via Perrone 7 bis. Il “Bosso” nasce a metà anni Cinquanta come Istituto Professionale per il Commercio dotato di autonomia amministrativa fino al 1974 (anno dei Decreti Delegati). Il “Monti” nasce dall’omonima Civica Scuola Magistrale che nell’a. s. 1998/99 avvia un’importante innovazione didattica che porta a sostituire gradualmente il corso per “Assistenti di comunità infantili” in vista della trasformazione in Istituto Professionale per i Servizi Sociali. A seguito della nuova riforma scolastica, a partire dall’a.s. 2010/2011 il “Bosso-Monti” sarà un Istituto di Istruzione Superiore: Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e per i Servizi Socio-Sanitari e Istituto Tecnico- Settore Economico- Turismo. Attualmente i corsi dei tre indirizzi di studio hanno una durata di cinque anni e sono articolati in due bienni e un quinto anno.

    2. Bombardamenti

    L'edificio, in muratura, di tre piani fuori terra, situato tra le vie Antonio Meucci, Luigi Mercantini, Davide Bertolotti e corso Galileo Ferraris, ospitava la scuola professionale commerciale Maria Laetitia, con ingresso al civico 9 di via Meucci, e la scuola professionale Clotilde di Savoia individuata al numero 10 di via Bertolotti. Nel corso del secondo conflitto mondiale, tre bombardamenti colpirono l'isolato. Le prime due incursioni furono effettuate dalla RAF con bombe dirompenti di grosso calibro nelle notti dell’8 dicembre 1942 e del 4 febbraio 1943. L’ultima incursione fu compiuta da aerei dell’USAAF con la tecnica del tappeto di bombe (centinaia di bombe dirompenti di medio calibro).  Le scuole subirono gravi danni al tetto, distruzione degli infissi e rottura dei vetri. Durante l’ultimo attacco, l'1 dicembre 1943, fu completamente demolito il tratto di manica su via Bertolotti angolo via Mercantini.

    In via Meucci 9 ha attualmente sede l'Istituto professionale per i servizi commerciali e turistici Valentino Bosso - Augusto Monti. L'istituto Clotilde di Savoia ha cessato la sua attività nel 2007 e i suoi locali sono ora occupati da uffici circoscrizionali.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    ISTITUTI FEMMINILI M. LETIZIA, M. CLOTILDE, M. PIA
    Corso Ferraris 11, Via Meucci, Via Mercantini, Via Bertolotti

    Istituti scolastici.
    Edifici di valore documentario della diffusione del gusto liberty, significativi esempi di complesso polarizzante e di decoro nell'ambito in cui sorgono.
    Costruiti nei primi anni del Novecento.

    G. MARZORATI, 1923, p. 958; M. LEVA PISTOI, 1974.
    Tavola: 41

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 281, cart.5, fasc. 21, n.ord. 2
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Fondazione Tancredi di Barolo
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà