Home \ Quinto Bevilacqua (Molinella, Bologna, 1916 - Torino 1944)
Scheda: Soggetto - Tipo: Persona

Quinto Bevilacqua (Molinella, Bologna, 1916 - Torino 1944)

Operaio mosaicista. Militante socialista. L' 8 settembre 1943 entra nel movimento clandestino di Torino. Arrestato il 28 marzo 1944 e processato insieme ai membri del Comitato militare regionale piemontese, fu fucilato il 5 aprile 1944 in Torino. Alla sua memoria è stata intitolata la via già denominata "via Val Cismon".


Nascita: 16 Aprile 1916

Morte: 05 Aprile 1944

  • Indice
  • Categorie
  • partigiano
  • operaio
  • Nato a Marmorta, frazione del comune di Molinella, in provincia di Bologna, il 16 aprile 1916, penultimo di sei fratelli di una famiglia di braccianti agricoli di tradizione socialista. Con il regime fascista, nel 1925, la famiglia subì persecuzioni per non aver voluto l'iscrizione al fascio e fu cacciata di casa, senza poter più ottenere lavoro. Nel 1931, Quinto si trasferì a Torino per lavorare nella piccola impresa dei fratelli Arturo e Costante, già emigrati nel 1926, specializzati in mosaici di ceramica; dopo il lavoro, frequentava i corsi di disegno della scuola San Carlo. I fratelli Bevilacqua si mantennero sempre in contatto con la comunità d'origine raccogliendo, tra l'altro, fondi per Giuseppe Massarenti. Nel 1942 Quinto sposò Marcella Calzolari, figlia di Alfredo, esponente socialista di Molinella. All'avvicinarsi della guerra intensificò i suoi rapporti con il partito nella clandestinità. Richiamato come soldato semplice nell'artiglieria di montagna, dopo l'8 settembre si dedicò al lavoro cospirativo, in contatto con i socialisti torinesi, soprattutto con Ogliaro; rappresentò il Psi nel Comitato militare e poco prima dell'arresto ricoprì l'incarico di segretario della Federazione socialista clandestina (1). Il 28 marzo 1944 venne arrestato e, processato dal Tribunale speciale con i membri del Comitato militare regionale piemontese, Bevilacqua è tra i sette patrioti che saranno fucilati al Poligono del Martinetto. Il 3 aprile scrisse l’ultima lettera : “…vado incontro alla morte con una risolutezza che non mi sarei mai creduto, perciò siate forti...”.

    Medaglia d'argento al valor militare, è ricordato nella lapide al Martinetto e la Città gli ha intitolato una via. E' ricordato anche in un'altra lapide in corso Regina Margherita 12, trasferita dall'originaria collocazione in via Fontanesi 7 dove aveva sede una sezione socialista.

    Note

    (1) Archivio Istoreto: http://intranet.istoreto.it/lapidi/sk_lapide.asp?id=204

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Asct, Urbanistica e Statistica, deliberazioni della Giunta popolare, 10 novembre 1945, verbale 37
    • http://www.metarchivi.it/ricerca.asp?cerca=Cerca#risultati_ric
    • Archivio Istoreto
    • Aisrp, Archivio dell’Istituto piemontese per la storia della resistenza e della società contemporanea, Banca dati Partigianato piemontese

    Temi correlati

    Luoghi correlati

    • Ente Responsabile
    • Istoreto
    • MuseoTorino