Home \ Cascina Prebenda Andonno
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Cascina Prebenda Andonno

Edificio rurale risalente alla fine del settecento denominato dapprima Prebenda Andonno e poi cascina Enrico o Henry, dal nome del primo proprietario Henry Canonico.


CORSO CASALE 295

Notizie dal: XVIII Sec. (1700-1799)

Demolizione: XIX Sec. (1800-1899)
scompare una parte della manica ovest

Ampliamento: 1805
viene denominata "Ferme Enrico"

Demolizione: XX Sec. (1900-1999)
viene eliminata la parte restante della manica ovest

  • Indice
  • Categorie
  • cascina
  • La cascina Prebenda Andonna viene per la prima volta individuata nella Carta Corografica dimostrativa redatta dall’Architetto Amedeo Grossi nel 1791 nella quale viene descritta come “cascina del Capitolo di san Giovanni” sulla Strada di Mongreno che presenta un impianto planimetrico a “C” con corte chiusa. Sulle Mappe del Catasto Napoleonico del 1805 la cascina viene denominata Ferme Enrico, dal nome del suo proprietario il signor Henry Canonico, e viene ampliata con l’edificazione di un corpo di fabbrica trasversale alla “C” dell’impianto originario, che costituisce la casa civile. Nel 1820, come si può leggere dalle Mappe del Catasto Gatti e relativo colonnario, la cascina viene denominata Henry, la planimetria rimane  invariata e risulta composta dalla casa civile, la casa rustica e gli orti.

    Alcune variazioni planimetriche si registrano invece nella seconda metà del XIX secolo, infatti  viene demolita quasi completamente la manica di ponente della cascina, come risulta dalle Mappe del Catasto Rabbini del 1866.

    Nel 1935, nella Pianta di Torino compilata dal servizio tecnico municipale dei lavori pubblici, risulta un’ulteriore ridimensionamento della cascina che assume una conformazione planimetrica ad “L”, con la demolizione del corpo di fabbrica trasversale denominato casa civile.

    La casa padronale, tutt’oggi abitata, conserva una decorazione in altorilievo al di sopra della porta d’accesso. Il rustico, invece, è in completo stato di abbandono.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    PREBENDA ANDONNO
    Corso Casale 295

    Cascina.
    Segnalazione di edificio rurale di significato documentario, tipico esempio di cascina di pianura.
    Giù presente alla fine del Settecento; A. Grossi ne indica il proprietario: cav. Canonico Ricci d'Andonno. All'inizio dell'Ottocento è proprietà Henry e con tale nome appare su tutta la cartografia deI secolo scorso e dell'inizio del Novecento.

    A. GROSSI, 1790; PLAN GEOMÉTRIQUE […], 1805; [Catasto RABBINI], 1866; E. GRIBAUDI ROSSI, 1970.
    Tavola: 35/43

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Amedeo Grossi, Carta Corografica dimostrativa del territorio della Città di Torino, 1791, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1800
    • Plan Geomêtrique de la Commune de Turin, 1805, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Francese, Allegato A, Mappe del Catasto Francese, Circondario di Torino, Mandamento di Torino, Torino
    • Carta dei Distretti riservati per le Regie Cacce divisa in sette parti, 1816, Archivio di Stato di Torino, Sezione Corte, Carte Topografiche per A e B, Torino, Torino 26
    • Andrea Gatti, Catasto Gatti, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, CAG, sez. 36
    • Andrea Gatti, Colonnario Territoriale, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, COLL TER, sez. 36, art. 1324
    • Antonio Rabbini, Mappa originale del Comune di Torino, 1866, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Rabbini, Circondario di Torino, Mappe, distribuzione dei fogli di mappa e linea territoriale, Torino
    • Servizio Tecnico Municipale del Comune di Torino, Pianta di Torino, 1935, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.8
    • Istituto Geografico Militare, Carta IGM, 1974, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.11
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino