Home \ Antonio Banfo (Torino, 1900-1945)
Scheda: Soggetto - Tipo: Persona

Antonio Banfo (Torino, 1900-1945)

Operaio alla Fiat Grandi Motori, militante comunista e figura di spicco della resistenza cittadina. Arrestato in seguito allo sciopero pre-insurrezionale il 18 aprile 1945, è ucciso la sera stessa in Corso Vigevano. Una lapide in corso Novara 20/b e una via nella Borgata Monte Bianco ne ricordano il sacrificio. Alla sua memoria è stata intitolata una via già denominata "Via Monte Bianco".


Nascita: 23 Febbraio 1900

Date note sulla vita: 1931
Condanna a tre anni di reclusione per attività sovversiva

Date note sulla vita: 1932
Scarcerazione

Morte: 18 Aprile 1945

  • Indice
  • Categorie
  • operaio
  • partigiano
  • Figura di spicco dell’antifascismo torinese, nasce a Torino il 23 febbraio 1900. Militante anarchico e libertario, aderisce nel 1921 al Partito Comunista d’Italia, di cui diventa immediatamente propagandista. Arrestato per attività sovversiva nel 1931, è condannato a tre anni di reclusione ma è scarcerato nel 1932, in virtù di un’amnistia concessa per celebrare il decennale del regime. Nel 1936 matura la sua conversione religiosa, avvicinandosi alla chiesa evangelica di via Virle, in Barriera di Milano. L’impegno religioso non frena la sua attività clandestina: inquadrato nella 23° Brigata Garibaldi, per la quale mantiene i “rapporti con il CLN regionale” (1), assume un ruolo di primo piano nel movimento comunista della Fiat Grandi Motori, dove lavora come operaio, dirigendo lo sciopero preinsurrezionale del 18 aprile 1945. La sera stessa, le squadre fasciste lo prelevano dalla sua abitazione di via Scarlatti 4 insieme al genero Salvatore Melis e il giorno successivo i due cadaveri trucidati sono ritrovati in corso Vigevano in prossimità di una piccola bealera. Al suo funerale partecipa “tutta la Barriera di Milano” (2). A Liberazione avvenuta, la Città di Torino gli dedica una strada in Borgata Monte Bianco e ne ricorda il sacrificio con una lapide in corso Novara 20/b. Alla sua memoria il è altresì intitolata una delle più grandi sezioni cittadine del Partito Comunista Italiano.

     

    Note

    1. Assessorato alla Cultura di Torino, La costruzione della memoria a Barriera di Milano (1900-1950): esperienze umane e fatti storici, Assessorato per la Cultura, Città di Torino, Torino 1983, p. 26.

    2. Emanuela Banfo, Asio Ristori (a cura di), Antonio Banfo. Vita e morte di una voce torinese, Ananke, Torino 1998, p. 79.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Asct, Urbanistica e Statistica, deliberazioni della Giunta popolare, 10 novembre 1945, verbale 37
    • Ente Responsabile
    • ISMEL