Home \ Caffè Vergnano, ex Caffè Negrita, già Café français
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Caffè Vergnano, ex Caffè Negrita, già Café français

Il locale all’angolo tra via Sacchi e corso Vittorio Emanuele II, di fronte alla stazione di Porta Nuova, conserva del negozio storico la facciata in marmo di inizio Novecento mentre l'arredo interno è perso da tempo. Dal 2017 riapre come punto vendita Caffè Vergnano completamente rinnovato.


VIA PAOLO SACCHI 2

Notizie dal: 1875

Rifacimento: 1925 - 1928
della facciata

  • Indice
  • Categorie
  • caffè
    • Tag
  • devanture storiche
  • Descrizione

    Aperto nel 1875 da Giovanni Canavesio, fino al 1928 si chiama Café français e ha il piano interrato occupato da una sala da biliardo. Tra il 1928 e il 1970 gli interni sono trasformati portando la torrefazione al piano interrato e il bar a piano terreno.

    Nel 1925 rileva la gestione Giuseppina Valenzano: a questa data risale probabilmente la devanture, simmetrica sulle due vie, realizzata dalla Ditta Catella di Torino con zoccolo nero e pareti rivestite da marmi policromi. I serramenti in luce, non più originali, sono evidenziati da una cornice in marmo verde Alpi. Sulla parte d’angolo si trova un interessante fregio cantonale in stucco con ai lati due supporti per targhe in ottone per le indicazioni stradali di gusto neo-barocco.

    L’interno risulta da tempo completamente rifatto: fino all'ultimo passaggio di gestione nel 2017, dell’arredo storico rimaneva già solo uno specchio alle spalle della cassa.

    Due bacheche a pilastro di inizio Novecento, in cattivo stato di conservazione, non utilizzate dal bar, stanno di fronte agli ingressi: la prima, d’angolo, ha zoccolo in marmo rosso di Verona e struttura in ferro con decori in ghisa, la seconda ha struttura in legno.

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Legge Regionale 4 marzo 1995/n. 34 “Tutela e valorizzazione dei locali storici” catalogo Guarini Piemonte, presso CSI Piemonte, Galfione-Barozzo P.,scheda n. R0165089 e Allegati
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino, 2017