Home \ Ex stabilimento Teksid, ex Ferriere Fiat Vitali
Scheda: Luogo - Tipo: Isolato

Ex stabilimento Teksid, ex Ferriere Fiat Vitali

Lo stabilimento delle Ferriere denominato Vitali, di cui rimane testimonianza nel Parco Dora, nasce nel 1920 tra corso Mortara e via Orvieto.

 


Lat: 45.09319 Long: 7.665428

Costruzione: 1920

Ampliamento: 1973

Abbandono: 1992

Dismissione: 2001

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • fabbrica
    • Tag
  • bombardamenti
  • Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:

    STABILIMENTO TEKSID, EX FERRIERE FIAT

    Isolato compreso tra le Vie Borgaro, Verolengo, Orvieto e Corso Mortara. Complesso di edifici industriali realizzati e ristrutturati in fasi successive.

    Segnalazione di complesso di manifatti industriali di interesse documentario, tipici esempi di edilizia industriale in cemento armato e in ferro degli anni Venti, Trenta, Quaranta e successivi.
    Realizzazione, in epoche successive, di edifici industriali a partire dai primi decenni del secolo (preminentemente dalla fine degli anni Venti in poi); interventi di ristrutturazione e ampliamento anche recenti.

    [PIANO REGOLATORE CON VARIANTI aggiornate al 1925; [PIANO REGOLATORE CON VARIANTI aggiornate al 1948].
    Tav. 25/26

    Negli anni Trenta, cancellando alcune preesistenze come l’opificio della Società Anonima Bedarida e C. e le cascine Scaravella e Bianchina, lo stabilimento arriva ad estendersi fino a via Verolengo e via Borgaro. Nel 1940 i reparti del Vitali sono: l’Acciaieria con gli alti forni Martin da 50 t. cuore della produzione siderurgica, i forni ghisa, i laminatoi per lamiere, le fabbrica di molle e di tubi. Se gli anni della guerra sono segnati dai bombardamenti alleati e dalla lotta antifascista, gli anni Cinquanta vedono il rilancio produttivo e la conflittualità politica con il trasferimento, avvalorando la testimonianza di alcuni operai, di qualche sindacalista della Fiom nel reparto “confino” dei forni ghisa.
    Dal 1973, prevedendo un’espansione del mercato (che non si avvererà), lo stabilimento è potenziato installando nuovi forni Fiat da 150 t. per produrre acciai speciali e costruendo nuovi capannoni come quello dello strippaggio parzialmente conservato. Con la crisi e la nascita della Teksid nel 1978, alcuni reparti sono smantellati. Con la cessione all’Iri del 1982, il Vitali è incorporato dalla Deltasider tranne il reparto laminatoi che passa all’Industria Acciai Speciali. Lo stabilimento chiude nel 1992. Gli interventi di dismissione e trasformazione, regolati dal Programma di Riqualificazione Urbana del 1998, iniziano nel 2001.

     

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Archivio Storico FIAT, Fondo Ugaf, 4/13, Fiat sezione ferriere. Impianti realizzati negli anni 1946-1963, vol. I.
    • Archivio Storico FIAT, Fondo Ugaf, 5/13, Fiat sezione ferriere. Impianti realizzati negli anni 1946-1963, vol. II.
    • Archivio storico FIAT, Fondo delibere, 930, Sezione Ferriere poi Settore siderurgia Divisione Acciai.
    • Archivio Storico FIAT, Fondo delibere, 931, Sezione stabilimenti di Avigliana.
    • Archivio Storico FIAT, Fondo Società ed Enti diversi, 15, Ferriere Piemontesi.
    • LAME- Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino, “Analisi storica sulle attività produttive presenti in Spina 3”, in Programma di riqualificazione urbana. Z.U.T. 4.13-Spina 3. Programma definitivo, Città di Torino, 1998.
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Comitato Parco Dora