Home \ Industria di funi metalliche Antonio Bianco
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Industria di funi metalliche Antonio Bianco

L'isolato compreso fra le vie Frejus, Beaulard, Bardonecchia e Borgone, fu interessato nella sua totalità dai bombardamenti dell'autunno 1942. L'industria di Funi Metalliche Antonio Bianco, in via Beaulard 62, costituita da un fabbricato di uno, due piani fuori terra, che comprendeva anche un appartamento di sette vani, fu colpito da bombe incendiarie e dirompenti. L'edificio è stato ripristinato in un momento successivo e attualmente è destinato a civile abitazione.


VIA BEAULARD 62

Costruzione: 1925

Bombardamento: 18 Novembre 1942

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

  • Indice
  • Categorie
  • abitazione
  • industria
  • bombardamento
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    L'isolato compreso fra le vie Frejus, Beaulard, Bardonecchia e Borgone, che comprendeva al suo interno un'ampia area destinata a orto, fu interessato nella sua totalità dai bombardamenti dell'autunno 1942. I danni più gravi si riscontrarono tra i civici 55 e 57 di via Borgone con bassi fabbricati destinati a case di civile abitazione e industrie (industria Fonomeccanica al civico 55 e industria del legno al civico 57). L'industria di Funi Metalliche Antonio Bianco, in via Beaulard 62, costituita da un fabbricato di uno, due piani fuori terra, che comprendeva anche un appartamento di sette vani, fu colpito da bombe incendiarie e dirompenti che causarono il distacco della copertura del tetto, il crollo di volte e muricci e lo schiantamento degli infissi. Nel febbraio 1945 non risultavano eseguite o in corso opere di ripristino. L'edificio è stato ripristinato in un momento successivo e attualmente è destinato a civile abitazione, mentre al civico 64 è presente un condominio di recente costruzione.

    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra inv. 1393 cart. 28 fasc. 21
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà