Home \ Chiesa dei Santissimi Angeli Custodi
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Chiesa dei Santissimi Angeli Custodi

La chiesa dei Santissimi Angeli Custodi, tra via Amedeo Avogadro e via San Quintino, venne aperta al pubblico nel febbraio del 1888. Durante il secondo conflitto mondiale, i bombardamenti che colpirono la città investirono la chiesa solo lievemente, mentre le convivenze adiacenti vennero gravemente danneggiate.


Lat: 45.067064900747574 Long: 7.669674754142761

Costruzione: 1884 - 1888

Bombardamento: 20 Novembre 1942

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • eclettismo
  • bombardamento
  • edificio religioso
  • chiesa
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    La chiesa dei Santissimi Angeli Custodi, venne solo marginalmente coinvolta dai bombardamenti su Torino nel corso del secondo conflitto mondiale. Diversa fu la sorte delle pertinenze, affacciate su via San Quintino, che invece subirono gravi danni durante le incursioni aeree del 20 novembre 1942 e del 13 luglio 1943. Soffio di bomba dirompente investì la casa parrocchiale, situata al civico 37 di via San Quintino, causando il parziale distacco della copertura del tetto, il crollo di volte e muricci, lo schiantamento di parte degli infissi. Anche l'adiacente stabile, in via San Quintino 39, che ospitava l'Opera Nazionale Cesarina Astesana, fu gravemente sinistrato.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CHIESA DEI SS. ANGELI CUSTODI
    Via Avogadro, Via S. Quintino

    Chiesa.
    Edificio religioso di valore documentario, tipico della diffusione del tardo gusto eclettico. Costruito tra il 1884 e il 1890 su progetto dell'ing. Tonta.

    ASCT, Progetti Edilizi, f. 1/1884; G. MARZORATI, 1923, p. 215.
    Tavola: 41

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 314, cart. 5, fasc. 54, n. ord. 3
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà