Home \ Piazza Statuto
Scheda: Luogo - Tipo: Vie e Piazze

Piazza Statuto

Piazza Statuto fu l’ultima delle grandes places di Torino. Edificata con capitali stranieri e su progetto dell’architetto Giuseppe Bollati tra il 1864 e il 1865, nel 1879 divenne la quinta scenografica del monumento al traforo del Frejus.

 


Lat: 45.07635800733127 Long: 7.670404314994812

Progetto: 1846

Costruzione: 1864 - 1865

  • Indice
  • Categorie
  • risorgimento
  • piazza
  • monumento
    • Tag
  • mostra contemporanea
  • mostra risorgimento
  • A causa delle estese servitù militari della Cittadella, la zona ovest di Torino fu l’ultima in ordine cronologico ad essere completata di una grande piazza sullo stile di quelle progettate per gli altri cardini della città, in corrispondenza delle porte di Po, Palazzo, e Nuova. Piazza Statuto, progettata nel 1846 e inserita all’interno del regio decreto d’ingrandimento parziale di porta Susa e Valdocco dell’11 agosto 1851, venne però realizzata solamente tra il 1864 e il 1865 con i capitali stranieri dell’Italian Building Society ad opera dell’architetto Giuseppe Bollati (1819-1869). La piazza neoclassica si poneva come ideale completamento dell’antico decumanus della città - all’epoca via Dora Grossa, oggi via Garibaldi – e fondamentale innesto urbanistico con l’obliquo stradone di Rivoli (oggi corso Francia) e l’antica strada di Francia (l’attuale via San Donato). Sulla piazza, il 26 ottobre 1879, alla presenza del re Umberto I (1844-1900), venne inaugurato il monumento in onore degli ingegneri progettisti del traforo del Frejus, aperto nel 1871: Germano Sommeiller (1815-1871), Sebastiano Grandis (1817-1892) e Severino Grattoni (1815-1876). Ideato dal presidente dell’Accademia Albertina, il conte Marcello Panissera di Veglio (1830-1886), il gruppo scultoreo  rappresentante il genio della scienza che trionfa sui titani e sui massi - pietre originali delle viscere del Frejus - venne eseguito in bozzetto da Luigi Belli (1844-1919) e realizzato dagli allievi dello scultore Odoardo Tabacchi (1831-1905).

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    COMPLESSO DI PIAZZA STATUTO
    Piazza Statuto

    Complesso urbano pianificato.
    Complesso ottocentesco di valore storico-artistico e ambientale costituito da isolati e da parti di isolato con fronti unitarie racchiudenti gli spazi di Piazza Statuto e degli imbocchi dei Corsi S. Martino e Beccaria.
    Il complesso è stato realizzato con apporti di capitale straniero su disegno di G. Bollati, redatto per l'Italian Building Society, secondo i tracciati definitivi stabiliti dal piano d'ingrandimento del 1857. Il complesso ricalca lo schema dei piazzali aperti d'architettura unitaria precedentemente realizzati sugli altri sbocchi principali della città. Gli edifici sono costituiti da case da reddito caratterizzate da razionali e decorose soluzioni architettoniche negli spazi principali di distribuzione (androni, scale), negli spazi di cortile e nei diversi corpi di fabbrica, comprese le basse costruzioni accessorie e le maniche interne.

    AA.VV., Guida [?], I982, p. 33; V. COMOLI MANDRACCI, Torino, 1983. pp. 169 sgg.
    Tavola: 33/41

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città