Home \ Recupero della Reggia di Venaria
Scheda: Tema - Tipo: Architettura e urbanistica

Recupero della Reggia di Venaria

Un immenso laboratorio di progettazione, recupero e gestione di un bene considerato patrimonio dell’Umanità.


Lat: 45.135163 Long: 7.625653

Inizio: 1997 - 2011

  • Indice
  • Categorie
  • citroniera
  • centro congressi
  • giardino
  • museo
  • residenza sabauda
  • reggia
    • Tag
  • mostra contemporanea
  • Nel 1998 nella Reggia di Venaria Reale apre il più grande cantiere di restauro d’Europa, che nel 2011 consegna al pubblico uno straordinario sistema architettonico-ambientale, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. L’operazione intreccia recupero e progetto contemporaneo dell’architettura e del paesaggio, e insedia nuove funzioni complementari a quella museale della Reggia. La residenza reale viene restaurata celebrandone gli spazi barocchi che si susseguono lungo un percorso di visita distribuito su due piani, per giungere fino alla cappella di Sant’Uberto, alla citroniera e alle scuderie juvarriane. Le scuderie e il maneggio alfieriani, invece, sono oggetto di un intervento di rifunzionalizzazione che, su progetto dei torinesi Derossi Associati e Giorgio Fea, ne fa un centro di Conservazione e restauro dei beni culturali. All’interno, l’Aula magna è un volume indipendente e ben distinto dall’involucro settecentesco, definito da pareti di titanio dalla forma organica. Un approccio che assume le preesistenze reinterpretandole con linguaggi odierni è visibile invece nella riqualificazione dei giardini storici, punteggiati da installazioni d’arte contemporanea (il giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone, ad esempio). Nel parco della Mandria, la realizzazione del Centro natura e paesaggio al Borgo Castello prevede un percorso museale all’interno delle scuderie, nelle quali si inseriscono volumi vetrati (progetto di S.C.P.A. Bertreux Boeffar, Jolly Mace AgenceTetrarc, Oth Sud-Ouest Sa., Sce Sa., Pro.Ma. Sas). Il recupero della Reggia della Venaria Reale, imponente nelle dimensioni e nel numero dei progettisti impegnati nella trasformazione (tra cui Gae Aulenti, Maire Engineering Spa, Studio Associato Libidarch, Studio A&P, Mariachiara Pozzana per il restauro e la valorizzazione della Reggia e dei giardini), oltre che dei promotori, si conclude nel 2011, aprendo alle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. La Reggia e i giardini ospitano per l’occasione tre grandi mostre sull'arte, la moda e Leonardo e gli eventi sulla cucina, aprendo al pubblico il Potager Royal. 

    • Bibliografia
    • Sitografia

    Luoghi correlati

    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città