Home \ Domniverto
Scheda: Soggetto - Tipo: Persona

Domniverto

Nessuna Immagine

Domniverto è stato abate di Novalesa all’inizio del secolo X ed è stato lui a guidare un gruppo di monaci verso Torino quando la sicurezza dell’abbazia divenne precaria. Domniverto e i suoi monaci beneficiarono della protezione del marchese d’Ivrea, che donò loro la chiesa di sant’Andrea.


Date note sulla vita: 912 - 920
ca. − Domniverto guida un gruppo di monaci dell’abbazia di Novalesa a Torino

  • Indice
  • Categorie
  • ecclesiastico
    • Tag
  • mostra medievale
  • L’anonimo cronista del Chronicon Novaliciense (Cronaca di Novalesa), ci racconta di come l’abate Domniverto e alcuni monaci lasciarono l’abbazia rifugiandosi a Torino, in fuga dall’aggressione saracena. Il racconto dell’XI secolo risente del tempo trascorso e della tradizione orale che porta con sé alcune inesattezze. Secondo la ricostruzione di Aldo Settia, la partenza di Domniverto fu precedente al passaggio dei Saraceni sulle Alpi. Risalirebbe agli anni 912-20, mentre è possibile che ci sia stata un’azione saracena dopo il 920, che è stata ricordata come la causa di quel trasferimento. Questa tesi sembra convalidata dal fatto che non tutti i monaci seguirono il loro abate e che Domniverto portò con sé parte del tesoro dell’abbazia, dando l’idea di una partenza organizzata. Per quanto riguarda la minaccia saracena, con il termine Sarkénoi (Saraceni) venivano indicati dei gruppi di religione musulmana, che provenivano probabilmente dalla Spagna e addirittura dall’Italia centro-meridionale. Sotto questa etichetta finirono anche altre realtà, come le incursioni di Normanni e Ungari, o la violenza di bande di predoni prive di una precisa caratterizzazione etnica o religiosa. A Torino Domniverto poteva contare sull’appoggio di Adalberto marchese di Ivrea, che donò ai monaci la chiesa di Sant’Andrea (oggi il santuario della Consolata) e una torre a Torino, probabilmente nel 914. Tuttavia, prima del 928 i monaci si trasferirono a Breme, località della Lomellina che era stata sempre oggetto di donazione da parte di Adalberto.

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città