Scheda: Soggetto - Tipo: Impresa

Rumianca Spa

È stata un’importante azienda chimica. Produceva preparati chimici per l’industria, per l’agricoltura, per usi domestici.

Indice

Categorie

  • industria

La Rumianca vede la luce nel 1915 a Genova, con il nome di Chimico Mineraria Rumianca, poiché lo stabilimento produttivo aveva sede nel comune di Rumianca (oggi Pieve Vergonte), nel Verbano; assumerà definitivamente la denominazione Rumianca Spa nel 1941. Nei primi anni Venti la sede legale viene trasferita a Torino; nello stesso periodo l’azienda viene acquistata, tramite la Snia Viscosa, da Riccardo Gualino. Ma nel 1929 quando – a causa di una grave crisi finanziaria – Gualino sarà costretto a vendere la SNIA Viscosa, Gualino si alienerà anche la Rumianca, almeno per un breve periodo: la riacquisterà pochi anni dopo, per guidarla sino alla sua morte nel 1964. La sede della Rumianca ospiterà, in via provvisoria, anche un’altra importante azienda di Gualino: la Lux. L’azienda produce tutti i prodotti chimici necessari sia alle lavorazioni industriali che all’agricoltura: acido cloridrico, anidride solforica, glicerina, ecc. Produce altresì l’anidride arsenica, dalla quale si ricava l’iprite (il gas tossico usato per la guerra chimica): a questo scopo viene costruito un apposito stabilimento, anche se la proprietà negherà sempre che i suoi prodotti siano stati impiegati per uso bellico. Negli anni Sessanta la Rumianca è impegnata nella produzione di materie plastiche (in particolare del PVC) e dei carburanti (GPL e Benzine Aromatiche). Nel 1967 la Sir (Società italiana resine) assume il controllo della Rumianca, che diventa a questo punto Sir-Rumianca; a sua volta, nel 1981 il gruppo verrà assorbito dall’ENI.

 

Cronologia

1915 – Fondazione a Genova del Chimico Mineraria Rumianca;

1929 – Gualino vende la Rumianca;

1967 – Il controllo dell’azienda passa alla Sir: nasce il gruppo Sir-Rumianca;

1981 – Il gruppo viene assorbito dall’Eni.

Soggetti correlati

Luoghi correlati

Eventi correlati

Temi correlati

Ente Responsabile

  • ISMEL