Home \ Il Lingotto: una fabbrica modernissima
Scheda: Tema - Tipo: Economia e industria

Il Lingotto: una fabbrica modernissima

Nessuna Immagine

Nel 1923 venne inaugurato il Lingotto, fabbrica gigantesca, ove s’introdusse il sistema di lavoro «americano» e che segnò la vita dell’intera città.


Periodo di riferimento: XX secolo

Inizio: 1923
Inaugurazione dello stabilimento

  • Indice
  • Tag
  • sala 1922
  • Nel 1923 fu inaugurato a Torino lo stabilimento del Lingotto, una fabbrica modernissima, enorme, organizzata secondo il sistema della catena di montaggio ideato dalla Ford negli USA. Progettato da Giacomo Matté Trucco alla periferia sud di Torino su una superficie di circa 150.000 metri quadrati (lungo oltre 1.000 m, largo 24, sormontato dalla celebre pista in cemento armato con curve paraboliche), ospitava diverse lavorazioni (officine, fucinatura, stampaggi, trattamenti termici, meccaniche trafilerie, segherie, lavorazione legnami, magazzini, carrozzerie, reparti di fonderia) e un grande scalo ferroviario per il trasporto dei materiali e la spedizione delle vetture.
    Con le sue mastodontiche dimensioni attrasse manodopera non solo dal quartiere, ma da tutta la città ed oltre. Mutò sostanzialmente i modi di produzione, rendendo superfluo il cottimo e trasformando ogni operaio in parte integrante di un grande ingranaggio.
    Fra gli anni ’20 e ’30 vi lavorarono circa 12.000 operai e 500 impiegati. L’azienda dei trasporti istituì linee speciali negli orari di entrata e un nuovo apposito binario (in via Millefonti e in via Demonte, ora via Genova), nonostante molti si recassero al lavoro in bicicletta. Durante gli anni del regime il Lingotto fu pure centro di lotta operaia e luogo di opposizione.

    • Bibliografia