Home \ Isolato tra le vie Bianzé, Digione, Giacomo Medici e corso Svizzera
Scheda: Luogo - Tipo: Isolato

Isolato tra le vie Bianzé, Digione, Giacomo Medici e corso Svizzera

L'isolato compreso fra le vie Digione, Bianzé, Giacomo Medici e corso Svizzera (già corso Altacomba), costituito da edifici prevalentemente costruiti nel primo terzo del XX secolo a uso civile abitazione, negozi, industrie, autorimesse e laboratori, fu interessato dai bombardamenti del dicembre 1943. Gli edifici attualmente presenti sull'area sono in buona parte frutto di una ricostruzione recente.


Lat: 45.078527 Long: 7.650566

Costruzione: XX Sec. (1900-1999)

Bombardamento: 08 Dicembre 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • laboratorio
  • autorimessa
  • negozio
  • industria
  • officina
  • abitazione
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    L'isolato compreso fra le vie Digione, Bianzé, Giacomo Medici e corso Svizzera (già corso Altacomba), costituito da edifici prevalentemente costruiti nel primo terzo del XX secolo ad uso civile abitazione, negozi, industrie, autorimesse e laboratori, fu interessato dai bombardamenti del dicembre 1943.

    In via Bianzé 31 era presente l'Officina Meccanica Torino OMT di Musso e Ferrero. Gli uffici si trovavano invece al civico 34. In via Digione 17 e via Medici 34 era presente un'officina riparazioni auto. Un altro laboratorio meccanica era in corso Svizzera 32 e via Bianzé 41C. Un deposito carta era in via Medici 38.

    I danni più consistenti furono riportati dai civici 31, 33, 35, 37 e 39 di via Bianzé e dai civici 42, 44 di via Medici, all'angolo con corso Svizzera. I fabbricati al 37 e 39 di via Bianzé furono completamente distrutti; l'edificio limitrofo al civico 41 riportò il distacco della copertura del tetto, crollo di solette, muricci e balconi interni, schiantamento degli infissi, distruzione di due bassi fabbricati nel cortile, sei piani gravemente sinistrati a causa di bomba dirompente. Anche l'edificio in via Medici, angolo corso Svizzera, fu completamente distrutto. Al posto degli edifici distrutti sono attualmente presenti condomini ad uso abitazione e negozi.

     

    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 1291 cart. 26 fasc. 47
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà