Home \ Farmacia Solferino, già San Giuseppe
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Farmacia Solferino, già San Giuseppe

Situata all'angolo tra le vie santa Teresa e san Francesco d'Assisi, è un raro e raffinato esempio di farmacia di epoca razionalista, caratterizzata dall'unitaria progettazione interna di decorazione e arredo.


VIA S. TERESA 21/A

Notizie dal: 1708

Realizzazione: 1928

  • Indice
  • Categorie
  • farmacia
    • Tag
  • Locali storici
  • 1. Cenni storici

    La Farmacia San Giuseppe, tra le più antiche della città, iniziò la sua attività nel 1708. Trasferita nel 1928 negli attuali locali, all'angolo prospiciente quello originario, è stata oggetto di un unitario intervento di progettazione nella distribuzione degli spazi e nell'arredo che si sono conservati con poche modifiche fino ai giorni nostri. Dal 1998 ha cambiato denominazione abbandonando quella storica di Farmacia San Giuseppe.

    2. Arredi interni

    Caratteristica del locale è la disposizione dei vani interni che sfrutta la posizione d'angolo: in particolare il locale di vendita, che occupa l'angolo vero e proprio, è chiuso e diviso dai laboratori retrostanti da una parete ad arco di circonferenza determinando la forma del bancone semicircolare in legno intarsiato, con la raffigurazione del Buon Samaritano e ripiano in vetro nero, e la collocazione degli arredi fissi e mobili, scaffali a parete in legno e vetro che assecondano l'andamento curvo della parete, interrompendosi alle aperture di comunicazione con i laboratori retrostanti.

    Malauguratamente un recente intervento sul bancone ne ha modificato il disegno originario che si presenta oggi privo dello sviluppo laterale alla zona centrale decorata.

    Tutte le pareti sono rivestite da piccole tessere di mosaico prevalentemente dorate, alternate a vetro incolore e in pasta colorata. Nella fascia alta sono ricavate nicchie in successione che ospitano vasi di ceramica bianca decorata, con coperchio, ripartite da un orologio in corrispondenza del passaggio sul retro. L'equilibrio cromatico è ristabilito dal pavimento in marmo verde. Si segnalano due bei caducei portaluce in legno dorato e vetro.

    A soffitto, in epoca recente è stato sostituito il lampadario formato da appliques a quarto di cerchio con elementi in pasta di vetro bianche a foglia posti sul perimetro della lampada, con la collocazione della luce a perimetro, mascherata da analoghi elementi a foglie.

     

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Legge Regionale 4 marzo 1995/n. 34 “Tutela e valorizzazione dei locali storici” catalogo Guarini Piemonte, presso CSI Piemonte, Costanzo P./Delpiano P., scheda n. R0081862 e Allegati
    • Fototeca

    Itinerari correlati

    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino, 2017